Roma, 19/05/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Terna, 45 milioni di euro da investire per due nuovi cavi interrati in Sardegna

11
Home > News > Elettrificazione > Terna, 45 milioni di euro da investire per due nuovi cavi interrati in Sardegna

Inizia l’iter autorizzativo per due nuovi collegamenti in cavo interrato situati in provincia di Sassari, e per le quali Terna investirà circa 45 milioni di euro prevedendo la connessione della nuova Cabina Primaria ‘Alghero Sud’, di proprietà del distributore locale.

45 milioni di euro

Il via autorizzativo per i due nuovi collegamenti in cavo interrato in Provincia di Sassari è giunto dal Mase, ed è un progetto molto importante per la resilienza, l’affidabilità e la sostenibilità della rete locale, e anche nazionale.

Si tratta di un’iniziativa per la quale Terna ha deciso di investire ben 45 milioni di euro, prevedendo di demolire 4 km di linee aeree esistenti e 8 tralicci.

L’esistente ‘Padria-Alghero’ infatti, verrà sostituita da due cavi lunghi complessivamente circa 20 km, al fine di rafforzare il sistema elettrico rendendolo non solo più resistente agli eventi climatici esterni, ma allo stesso tempo anche più affidabile, grazie a delle nuove vie di alimentazione che permetteranno anche di ridurre l’impatto ambientale delle infrastrutture del territorio.

Oltre 4.400 km di linee

L’operatore italiano gestisce già in Sardegna oltre 4.400 km di linee in alta e altissima tensione, oltre che 29 stazioni elettriche distribuite in modo equilibrate sull’isola. La connessione di questa nuova Cabina Primaria ‘Alghero Sud’ rappresenta dunque una nuova opportunità, non soltanto a livello regionale ma per tutta l’Italia, che sta pian piano trasformando il proprio sistema energetico consolidando le rinnovabili.

I primi dati Terna in riferimento al 2024 non a caso, mostrano quanto, a gennaio, si sia arrivati ad aggiungere altri 687 MW di energia verde alla capacità verde del Belpaese, con un valore che risulta essere non solo più alto, ma più del doppio rispetto alla potenza raggiunta nello stesso periodo dello scorso anno.

La quota di rinnovabili elettriche nei consumi nazionali

E tutto questo si deve soprattutto alla crescita nella penisola del fotovoltaico, che è arrivato a cifre importanti di ben 1.371 GWh di elettricità pulita, e all’eolico, che in soli 31 giorni ha installato a gennaio 32 MW, dando dimostrazione di ottime performance produttive con 2.802 GWh immessi in rete.

Dai dati pubblicati, risulta inoltre anche un aumento della generazione idroelettrica mensile, che tocca i 3.033 GWh, con la biomassa e la geotermia che stanno di certo contribuendo a consolidare la quota di Fer nei consumi nazionali, ma sulle quali si potrebbe sicuramente investire di più.

L’impegno in Sardegna

Per quanto riguarda l’impegno in Sardegna di Terna, sulle ambizioni da raggiungere e che sono parte del piano di sviluppo della società, si è di certo a buon punto, considerando gli oltre 1,6 miliardi di euro investiti già per i prossimi 10 anni.

L’obiettivo principale resta sempre lo stesso: rafforzare la rete e renderla più green cercando di raddoppiare anche gli scambi tra Nord e Sud, sfruttando soprattutto tecnologie di trasmissione energetica in corrente continua e puntando a nuovi progetti.

Articoli correlati