Roma, 14/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

1,3 miliardi per la sicurezza energetica della Lombardia.Il Piano Terna

11Terna, Giuseppina Di Foggia
Home > News > Elettrificazione > 1,3 miliardi per la sicurezza energetica della Lombardia.Il Piano Terna

Il gestore della rete elettrica Terna ha pianificato di investire 1,3 miliardi in Lombardia nei prossimi dieci anni. Tra gli altri interventi rilevanti, la nuova dorsale elettrica tra Milano e Montalto, le nuove infrastrutture per i Giochi olimpici 2026, il riassetto della rete elettrica della città di Brescia, la razionalizzazione della rete elettrica in Media Valtellina e nella Valle Sabbia, e un piano di interventi per la resilienza della rete in aree esposte a eventi meteorologici severi, dovuti in particolare al vento forte e al ghiaccio. 

La rete Hypergrid tra Milano e Montalto

Terna, il gestore della rete elettrica nazionale, investirà 1,3 miliardi di euro in Lombardia,  nei prossimi dieci anni. La principale novità introdotta dal Piano di Sviluppo della società giudata da Giuseppina di Foggia è la rete Hypergrid, che sfrutterà le tecnologie della trasmissione dell’energia in corrente continua (HVDC, High Voltage Direct Current) per raggiungere gli obiettivi di transizione e sicurezza energetica. Risponde a questo scopo la  nuova dorsale elettrica HVDC di oltre 400 km tra Milano e Montalto (Viterbo), funzionale all’integrazione di capacità rinnovabile. Il progetto, che incrementerà la sicurezza del trasferimento di energia del Mezzogiorno verso le regioni del Nord Italia caratterizzate da una maggior domanda, prevede un tratto marino da Montalto ad Avenza (Massa Carrara), e l’ammodernamento con riconversione a 500 kV in corrente continua di linee aeree esistenti dalla zona di Avenza verso il sud della Lombardia.

Nuove infrastrutture per i Giochi olimpici  2026

Il Piano di Terna prevede, inoltre, nuove infrastrutture per la rete elettrica dei Giochi olimpici e paralimpici ‘Milano-Cortina 2026’. Gli impianti di nuova generazione e a ridotto impatto paesaggistico, hanno il compito di aumentare l’affidabilità elettrica nei luoghi in cui si svolgeranno le Olimpiadi invernali. Nello specifico, la Lombardia sarà interessata in Valtellina dal nuovo collegamento elettrico Livigno – Premadio, in provincia di Sondrio.

L’infrastruttura, in realizzazione, prevede un elettrodotto di circa 20 km costituito da due linee in cavo interrato che si snodano quasi completamente lungo lo stesso tracciato. L’intervento garantirà una maggiore magliatura della rete elettrica dell’area e aumenterà la resilienza del sistema elettrico in aree esposte a eventi meteorologici estremi.

Al contempo, in vista dell’evento sportivo, è in corso di realizzazione anche la nuova Stazione Elettrica di Premadio, progettata in tecnologia blindata compatta a ridotto impatto ambientale.. Completano il quadro quattro nuovi collegamenti in cavo interrato (due dei quali già in regolare esercizio) a servizio della rete elettrica della Città di Milano.

Integrazione dell’energia prodotta dagli impianti idroelettrici

L’azienda ha poi pianificato anche un importante progetto di razionalizzazione della rete elettrica tra la Media Valtellina e la Valchiavenna. L’intervento consentirà di aumentare l’efficienza della rete elettrica dell’area compresa tra le province di Sondrio, Bergamo, Lecco e Milano favorendo al contempo l’integrazione dell’energia prodotta dagli impianti idroelettrici della Lombardia settentrionale. Inoltre, grazie al vasto piano di riassetto della rete in alta tensione, diminuirà l’impatto sul territorio delle infrastrutture elettriche esistenti con benefici a livello ambientale e sociale. La realizzazione delle nuove direttrici a 380 kV consentirà infatti di demolire circa 480 chilometri di linee (oltre 1.300 sostegni) che interessano il territorio che va dalla Valtellina alle porte di Milano.

Articoli correlati