Roma, 17/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

La NASA e la startup ADC Energy studiano ‘la corrente continua alternata (ADC)’

11elettrificazione
Home > News > Elettrificazione > La NASA e la startup ADC Energy studiano ‘la corrente continua alternata (ADC)’

Ecco lo studio della Nasa, in collaborazione con la startup americana ADN Energy, su un nuovo modo di produrre energia, sfruttando sia la corrente continua che quella alternata. 

La nuova tecnologia

Tutte i sistemi energetici possono essere utilizzati per produrre corrente continua o alternata, a seconda del tipo di applicazione e in base alle esigenze da soddisfare.

Quella messa a punto adesso negli USA è invece una nuova tecnologia ‘ibrida’, abilitata dall’intelligenza artificiale e che rende possibile la trasmissione di energia senza perdite.

Nata grazie alla collaborazione tra la NASA e la startup ADC Energy, si tratta di una fonte nella quale la corrente alternata e quella continua lavorano insieme, passando sugli stessi cavi ed eliminando così la necessità di una conversione dispendiosa e anche pericolosa.

Per Terry Boston, Consigliere della Casa Bianca e del Congresso degli Stati Uniti, un’innovazione come questa non si è mai vista prima d’ora, e potrebbe presto essere impiegata come ulteriore strumento di lotta alla crisi e al cambiamento climatico. 

Progetti NASA

Il documento redatto dall’Agenzia governativa americana per presentare la ‘nuova forma di energia’, si aggiunge a tutte le altre novità e progetti che la NASA sta avviando nel mondo.

Tra questi, un finanziamento di 150 milioni di dollari per tutte le aziende che si impegneranno nella costruzione di centrali elettriche lunari, e il nuovo prototipo di batterie al selenio e zolfo dalla densità energetica doppia rispetto al normale.

Le differenze

Ma quali sono le reali differenze tra i due tipi di corrente elettrica? La principale riguarda la modalità di funzionamento e di alimentazione degli apparecchi, considerando che nel caso dell’alternata, il flusso di energia si sposta dal polo positivo a quello negativo, dando origine a dei valori che si alternano continuamente e creando dei cicli che si ripetono all’infinito.

Nel caso della corrente continua invece, le cariche si muovono sempre nella stessa direzione, seguendo un percorso costante e generando una tensione elettrica che rimane stabile nel tempo.

La conversione dell’una all’altra, è un processo fondamentale per molti dispositivi elettronici, ma che crea spesso problemi come perdite di potenza sotto forma di calore, incendi o cortocircuiti.

Per questa ragione, la nuova tecnologia ‘ibrida’ esposta nel documento NASA che non richiede alcuna trasformazione potrebbe fare la differenza, e anticipare numerose difficoltà.

Articoli correlati