Roma, 18/04/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Pmi e multiutilities in rete per le nuove Comunità Energetiche Rinnovabili dell’Emilia Romagna

11Comunità energetiche
Home > News > Elettrificazione > Pmi e multiutilities in rete per le nuove Comunità Energetiche Rinnovabili dell’Emilia Romagna

Un nuovo protocollo d’intesa siglato dalla Regione con Gruppo Hera, Iren Smart Solutions, CNA ER e Confartigianato Imprese E-R ha lo scopo di promuovere lo sviluppo delle prime Comunità energetiche rinnovabili “pilota” in Emilia Romagna.

Il futuro non è più nelle grandi centrali rinnovabili

Con il Decreto attuativo sulle Comunità Energetiche al varo a Bruxelles, il futuro delle rinnovabili si configura sempre più come un impegno comune e diffuso in tutto il territorio, volto alla produzione di energia pulita, accessibile, sicura e condivisa tra i cittadini.

Le Regioni italiane si stanno preparando al cambiamento che l’autoconsumo apporterà nelle diverse dimensioni locali, provvedendo affinché tutti abbiano gli strumenti per poter avviare gli investimenti green necessari alla transizione energetica.

Il Protocollo d’Intesa sulle Comunità energetiche rinnovabili

L’Emilia Romagna è una delle Regioni più attive su questo fronte.  Il recente Protocollo d’intesa sottoscritto dalla Regione con Gruppo Hera, Iren Smart Solutions, CNA ER e Confartigianato Imprese E-R ha proprio lo scopo di promuovere lo sviluppo delle Comunità energetiche rinnovabili (Cer) mirando a mettere in rete le piccole e medie imprese con le multiutilities.

La nuova collaborazione è In linea con gli ambiziosi obiettivi contenuti nel Patto per il Lavoro e per il Clima, nonché nel Piano energetico regionale 2030 e relativo Piano attuativo triennale 2022-2024, che fissano la strategia e gli obiettivi della Regione Emilia-Romagna in materia di rafforzamento dell’economia verde, efficienza energetica, sviluppo di energie rinnovabili, nonchè interventi su trasporti, ricerca, innovazione e formazione. Le parti, mettendo in gioco le proprie competenze, potranno trarre vantaggio reciproco dalla realizzazione di azioni congiunte di studio, ricerca e progettazione, con particolare attenzione al settore energetico. 

Comunità rinnovabili “pilota”

Le diverse competenze, nello specifico, consentiranno di creare sinergie per definire strumenti di ausilio utili alla Regione per promuovere la diffusione di CER e realizzare interventi “pilota” replicabili sul territorio.

Alla sigla, in Regione, erano presenti Vincenzo Colla, assessore allo Sviluppo economico e Green economy, Orazio Iacono, amministratore delegato del Gruppo Hera, Roberto Conte, amministratore delegato di Iren Smart Solutions e I.Blu S.r.l., Paolo Cavini, presidente CNA Emilia-Romagna, e Davide Servadei, presidente Confartigianato Emilia-Romagna.

Questo Protocollo – ha sottolineato l’assessore Collava esattamente nella direzione indicata dalle politiche di promozione e sostegno alla diffusione delle Comunità energetiche rinnovabili. Politiche avviate dalla Regione già a partire dallo scorso anno, e che oggi stanno cominciando a raccogliere i primi frutti. È fondamentale, pertanto, che le imprese siano messe in rete con le nostre multiutilities, affinché abbiano tutti gli strumenti utili per poter avviare gli investimenti green. Il nostro impegno- ha concluso Colla– è raggiungere gli obiettivi che ci siamo dati nel Patto per il Lavoro e il Clima: dobbiamo accelerare la transizione energetica dell’intero ecosistema regionale. Per farlo, dobbiamo coinvolgere tutti i soggetti territoriali, a partire dalle nostre imprese artigiane“.

Siamo lieti di partecipare a questo protocollo d’intesa che mette a fattor comune competenze ed esperienze di importanti attori del territorio, con l’obiettivo di sviluppare le comunità energetiche” ha dichiarato Orazio Iacono, Amministratore Delegato del Gruppo Hera. “La nostra adesione rientra nella più ampia strategia del Gruppo Hera come descritta anche nel Piano industriale al 2026, che già prevede iniziative concrete nel campo delle energie rinnovabili, dall’installazione di impianti fotovoltaici alla produzione di biometano e idrogeno. Proprio a Bologna, in via Usodimare, attraverso la nostra controllata Hera Comm, abbiamo contribuito a realizzare il primo esempio cittadino di energia condivisa: una forma semplice di comunità energetica attraverso la quale le famiglie possono autoprodurre l’energia rinnovabile traendo benefici economici e ambientali“.

L’evento di Energia Italia News sulle Comunità Energetiche

Articoli correlati