Roma, 18/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Turbine idroelettriche in legno fino a 10 kW, possibile alternativa alle centrali tradizionali?

11
Home > News > Idroelettrico > Turbine idroelettriche in legno fino a 10 kW, possibile alternativa alle centrali tradizionali?

L’associazione no-profit francese Viseta è da tempo impegnata nell’utilizzo di turbine idroelettriche, realizzate in legno e dalle ottime prospettive di sviluppo. Le ragioni? Avere una buona efficienza energetica riducendo i costi di produzione e impattando di meno sull’ambiente.

Come funziona una turbina idroelettrica

Prima di capire in cosa consiste l’innovazione portata in campo dall’associazione no-profit francese Viseta, bisogna sapere come funziona una turbina idroelettrica. Parliamo di un dispositivo che trasforma l’energia cinetica dell’acqua in meccanica, e quindi in elettrica, attraverso un condotto che permette al fluido di arrivare ad alta potenza ed elevata pressione.

Ne esistono davvero di moltissimi tipi, con il vantaggio che, rispetto ad altri vettori, l’idroelettrico è una fonte sostenibile a lungo termine, con un minore impatto sull’ambiente e dai costi operativi piuttosto bassi.

Il prodotto di Viseta

In questo modo, si può anche ottenere più risparmio e ripulire, allo stesso tempo, innumerevoli corsi d’acqua, oltre a ottenere una produzione energetica più facile da prevedere. Sia il Sole che il vento infatti, sono due rinnovabili un po’ a intermittenza, e difficili da gestire anche per quanto riguarda il montaggio.

Il prodotto di Viseta invece, è una turbina in legno che può essere installata un po’ dappertutto, senza necessitare di ingombranti infrastrutture. A fronte di una generazione fino a 10 kW, tali dispositivi possono essere dunque considerati dei mini siti idroelettrici adatti a diversi genere di territori, soprattutto alle zone più remote.

Nascono così sempre più alternative al tradizionale pannello solare o alla classica centrale eolica, al fine di mettere a disposizione delle soluzioni altrettanto funzionali e ancora più convenienti sotto vari punti di vista.

L’utilizzo del legno

Non si può non notare che l’utilizzo del legno, per diverse ragioni, sta sempre più prendendo piede in diverse parti del mondo.

Sono soprattutto le turbine eoliche che vedono in questo materiale innumerevoli vantaggi. È infatti abbastanza recente la realizzazione di un prototipo svedese costituito da un generatore da 2 MW, e conosciuto per essere la turbina più alta al mondo con i suoi 150 metri.

Una risorsa rinnovabile molto economica

Su quelle idroelettriche, lo sviluppo è di certo ancora troppo limitato, nonostante in passato il legno sia stato già usato per costruire ruote idrauliche e altro genere di applicazioni simili, grazie soprattutto alla sua facilità di lavorazione. Il quadro però sta sicuramente cambiando, con tante realtà come Viseta interessate a studiarne le reali potenzialità e a testarle.

Parliamo infatti di una risorsa rinnovabile molto economica e che potrebbe ridurre di gran lunga l’impatto ambientale complessivo delle tradizionali centrali idroelettriche. Che succederà?

Articoli correlati