Roma, 18/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Rinnovabili e CER: RSE partecipa al convegno organizzato in una scuola di Perugia

11energia condivisa
Home > News > Elettrificazione > Rinnovabili e CER: RSE partecipa al convegno organizzato in una scuola di Perugia

A Perugia, il 3 giugno, si è svolto l’incontro di presentazione dei risultati sul progetto EduCER. L’obiettivo? Riconsiderare la scuola come luogo di produzione energetica e di formazione dei futuri cittadini sulle tematiche di sostenibilità. A partecipare anche RSE.

Il convegno

Il convegno ‘Verso la transizione verde circolare per combattere l’emergenza climatica attraverso Comunità di Energia Rinnovabile locali e partecipate’ si è svolto a Perugia, presso la Scuola Secondaria di Primo Grado Carducci-Purgotti. Tale luogo non è di certo una coincidenza, ma rappresenta il fine ultimo dell’evento: far capire come le scuole siano un importante sito energetico.

Qui infatti studiano circa 300 studenti, per un consumo di energia medio annuo di 54 MWh. Grande attenzione è dunque riservata alla loro istruzione su temi sensibili, quali rinnovabili e sostenibilità. All’incontro, ha partecipato anche l’Amministratore Delegato di RSE, Franco Cotana.

I focus affrontati

Diversi i focus affrontati: il contributo che ognuno di noi può dare per contrastare il cambiamento climatico; i risultati del progetto EduCER; l’inquadramento nazionale delle CER. Quest’ultime sono state in particolare l’oggetto dell’intervento di Cotana, volto a spiegare i benefici e i vantaggi di autoconsumare energia pulita per poi condividerla.

Riguardo al progetto EduCER, di cosa si tratta nello specifico? Anche in questo caso, l’obiettivo è promuovere la diffusione delle Comunità Energetiche Rinnovabili in tutta Italia, incentivando la produzione di elettricità green da risorse locali, e diffondendo, al contempo, la cultura della sostenibilità.

Partire dalle scuole

Altra ambizione è fare tutto ciò partendo dalle dalle scuole, e ponendo al centro questioni odierne che tutti devono conoscere: condivisione, risparmio energetico e circolarità.

Il progetto prende come riferimento l’istituto comprensivo Carducci-Purgotti, considerato il primo step per poi raggiungere i prossimi traguardi.

Testare i benefici

L’idea è quella di installare anche un impianto fotovoltaico da 200 kW, e una colonnina di ricarica intelligente posta a servizio di un minibus e di un’automobile elettrica, al fine di massimizzare l’energia condivisa.

Partendo poi dall’analisi dei consumi reali del plesso, per poi testare i benefici economici ed energetici, si vorrebbe riproporre lo stesso modello anche in altre strutture del Nord e Sud Italia, dando vita così a un esempio virtuoso, inclusivo e sostenibile da replicare in tutto il Paese.

Articoli correlati