Roma, 19/05/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Batterie, CATL domina la classifica con una quota di mercato pari al 38,4%. Il report

11
Home > News > Elettrificazione > Batterie, CATL domina la classifica con una quota di mercato pari al 38,4%. Il report

Secondo il nuovo rapporto di SNE Research, nei mesi di gennaio e febbraio 2024 c’è stata una richiesta complessiva di batterie pari a 92,4 GWh, con una crescita annua del 27% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In tale situazione, emerge anche il dominio di CATL.
LEGGI QUI IL REPORT

Il rapporto

Il rapporto di SNE Research mostra come, nei mesi di gennaio e febbraio 2024, ci sia stata una generale crescita del mercato delle batterie che ha raggiunto i 92,4 GWh di energia pulita. In particolare, nel periodo preso in considerazione, c’è stata molta richiesta di dispositivi prodotti in Cina, con il gigante CATL che mantiene ancora il predominio sugli altri.

Al secondo posto poi LG Energy Solution, con 12,7 GWh e un aumento di vendite del 24,8%, e BYD al terzo, con 12,1 GWh. Entrando poi più nello specifico e concentrando l’attenzione sul gigante cinese, nel bimestre ha ottenuto una crescita del 44,9%, con una quota di mercato pari al 38,4%.

In questo caso dunque, la società si è ancor di più distinta tra le altre, essendo l’unico produttore di batterie a disporre di una percentuale superiore al 30%.

Le altre posizioni

Tra le altre posizioni della classifica riportate da SNE Research, segue Panasonic, principale fornitore di Tesla, Samsung SDI e Audi PHEV in Europa. In generale però, è chiaro come in questo settore siano le aziende asiatiche a dominare, dinnanzi a un’Europa che vorrebbe provare a ridurre la dipendenza dai fornitori cinesi. Al momento però, si tratta ancora di ambizioni troppo lontane.

Ci sarebbe infatti tantissimo lavoro da fare, considerando anche lo sviluppo repentino delle EV e della e-mobility. Per sostenere la crescente domanda, l’Ue ha investito e ha fondato anche l’European Battery Alliance (EBA), al fine di promuovere e stimolare la capacità di produzione nel Continente e ridurre la dipendenza dalle importazioni estere.

Secondo le previsioni, il mercato interno andrà a espandersi sempre di più nel prossimo futuro, cercando di soddisfare anche esigenze sempre più imminenti di stoccaggio.

Nuovi impianti CATL in Europa

Ma se da un lato la competizione tra Cina e Unione Europa resta sempre accesa, alla ricerca di una totale indipendenza energetica, è già nota la nascita di nuovi impianti CATL in Europa. Quando? Lo ha dichiarato a febbraio Zeng Yuqun, CEO del colosso cinese, durante un’intervista per il Corriere della Sera.

Nel blocco europeo, la presenza della multinazionale è già abbastanza influente, e in questo modo ci potrebbe essere il rischio di oscurare ulteriormente altre aziende del settore che di certo non raggiungono ancora gli stessi numeri della società con sede principale a Ningde, nella provincia del Fujian.

Batterie sempre più avanzate ed efficienti

Entrambe le regioni comunque, stanno investendo in ricerca e sviluppo per avere delle batterie sempre più avanzate ed efficienti, con l’obiettivo non solo di ridurre i costi e migliorare le prestazioni, ma anche garantire il rispetto dell’ambiente.

L’Ue ha sicuramente introdotto delle normative rigide a riguardo, che potrebbero influenzare il modo in cui le aziende cinesi operano nel mercato europeo. Al momento però, dinnanzi alla supremazia di CATL, non sembrerebbe esserci sfida.

Articoli correlati