Roma, 19/05/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Eolico: ad Ottobre produzione record per Spagna e Portogallo

11eolico Spagna e Portogallo
Home > News > Eolico > Eolico: ad Ottobre produzione record per Spagna e Portogallo

Nel mese di Ottobre, secondo i dati riportati da AleaSoft Energy Forecasting, la produzione di energia eolica in Spagna e Portogallo avrebbe raggiunto rispettivamente  il + 294% e il + 272%. Un dato storico per l’energia del vento nella Penisola Iberica, che non registra numeri così alti dal 2021.

Record storici per Portogallo e Spagna

Record storici nel mese di ottobre per l’ eolico in Spagna e Portogallo. Secondo i dati riportati da AleaSoft Energy Forecasting, nella terza settimana di ottobre nella Penisola Iberica si sarebbe registrato un aumento della produzione di energia eolica con conseguente ribasso dei prezzi sul mercato MIBEL (Mercado Ibérico da Energia Eléctrica), scesi del 37% in Spagna e del 38% in Portogallo. Nello specifico, l’incremento nel mercato portoghese e spagnolo ha raggiunto rispettivamente il 294% e il 272%, con un picco della produzione eolica giornaliera del Portogallo di 108 GWh

I valori più alti da dicembre 2021

La generazione elettrica da energia eolica in Spagna avrebbe raggiunto i 420 GWh alla fine del mese di ottobre, il valore più alto dal dicembre 2021. Un dato tuttavia, in linea con la situazione in Europa, dove l’unico mercato in cui la produzione eolica è diminuita (del 14%) nell’ultimo mese, è stato quello tedesco. Le previsioni di produzione eolica pubblicate dall’azienda di servizi, indicano che nella prossima settimana quest’ultima diminuirà in tutti i mercati analizzati tranne che in Italia

Fabbisogno elettrico in Europa

Nella settimana del 16 ottobre, il fabbisogno di energia elettrica è aumentato nella maggior parte dei principali mercati europei rispetto alla settimana precedente. Gli aumenti sono oscillati tra lo 0,7% registrato sul mercato olandese e il 6,4% del mercato britannico, con l’unica eccezione di Portogallo (il cui fabbisogno è diminuito del 2,2%) e Italia (riduzione dell’1,1%). In parte, l’aumento della richiesta di energia elettrica in gran parte d’Europa, è legato all’abbassamento delle temperature. Il calo maggiore, pari a 5,6°C, è stato registrato in Germania, mentre Spagna e Italia si attengono, per il momento, su una variazione che non supera i 2,3°C. Per la settimana del 23 ottobre, secondo le previsioni di fabbisogno di AleaSoft Energy Forecasting, la domanda di energia dovrebbe aumentare in Portogallo, Italia, Gran Bretagna e Paesi Bassi e diminuire in Spagna, Germania e Belgio.

Articoli correlati