Roma, 04/03/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

PNRR. Starace (Enel): “Aggiudicati 3,5 miliardi di euro per il potenziamento delle reti”

11Starace
Home > News > Elettrificazione > PNRR. Starace (Enel): “Aggiudicati 3,5 miliardi di euro per il potenziamento delle reti”

In una lunga intervista di Francesco Starace sul Sole 24 Ore, curata da Laura Serafini, si annuncia che ad Enel andranno 3,5 miliardi di euro per l’ammodernamento delle reti e per accogliere la produzione crescente delle rinnovabili, a cui potrebbero aggiungersi fino a 5 miliardi di euro dal REPowerEU per accelerare su elettrificazione dei consumi e batterie.

Il Pnrr per le reti. Starace: “Serviranno ad accogliere la produzione delle rinnovabili”

In un’intervista rilasciata al Sole 24 Ore, Francesco Starace, amministratore delegato e direttore generale del Gruppo Enel, ha annunciato che la società si è aggiudicata 3,5 miliardi di euro del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) per il potenziamento delle reti elettriche del Paese.

Stiamo parlando di questa ricalibrazione delle risorse con il Ministro per gli Affari europei, il Sud, le Politiche di Coesione e il PNRR, Raffaele Fitto”, ha spiegato Starace, che ha poi aggiunto: “Risorse che potrebbero più che raddoppiare, fino a 5 miliardi aggiuntivi, con i fondi di RepowerEu”.

A cosa serviranno tutti questi fondi? “Al rafforzamento della capacità delle reti di bassa e media tensione, che portano l’energia a case e imprese, di accogliere la produzione di impianti rinnovabili distribuiti”, ha risposto il CEO del Gruppo Enel.

Elettrificazione e riduzione dell’energy divide con il Sud

Ma non solo, serviranno infatti anche “per sostenere l’elettrificazione dei consumi energetici, dando più capacità a chi ne fa richiesta in termini di aumento di potenza per 1,5 milioni di punti di consegna. E ancora, per aumentare la resilienza della rete su tutto il territorio nazionale per fare fronte agli eventi metereologici straordinari”, ha precisato Starace.

Il bando è uscito con un anno di ritardo, sì legge nell’intervista, “ma finalmente ci siamo: sono partiti i lavori in tutta Italia su 24 progetti”, ha sottolineato l’amministratore delegato del Gruppo.

In particolare, quasi il 50% delle risorse si concentrerà nel nostro Mezzogiorno: “1,7 miliardi andranno in Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Campania, Sardegna, Abruzzo e Molise, dove c’era più necessità soprattutto per la resilienza. Ai fondi del Pnrr si aggiunge una quota del 10%, per 350 milioni, riconosciuta dall’Arera come incentivo per completare i lavori nei tempi previsti”, ha precisato Starace.

Il REPowerEU per le batterie

Con il REPowerEU si appre inoltre il capitolo delle batterie e più in generale dei sistemi di accumulo: “C’è la grande questione degli stoccaggi – ha proseguito Starace – che sono l’altra faccia della medaglia. Se si aumenta la percentuale di rinnovabili si potrebbe aver bisogno di una quantità maggiore di batterie rispetto a quella orignariamente prevista e quindi nel REPowerEU ci potrebbe essere un capitolo dedicato”.

Sempre sul REPowerUE, il CEO Enel ha poi aggiunto: “Abbiamo verificato che nel caso in cui i fondi di RepowerEu possano essere spesi tra il 2023 e il 2027 potremmo fare ulteriori investimenti tra 2 e 4 miliardi, sia per la resilienza che per assorbire capacità rinnovabile. Se invece, come si sta ragionando di fare, si estendesse il periodo temporale fino al 2030, gli investimenti potrebbero essere tra 3 e 5 miliardi”.

La crisi energetica e ancora prima la crisi sanitaria dovuta alla pandemia da Covid-19 hanno cambiato non poco la percezione delle emergenze da parte del cittadino e consumatore italiano. soprattutto il caro bolletta ha fatto letteralmente esplodere la domanda di rinnovabili in Italia: “Se si aumenta la percentuale di rinnovabili si potrebbe aver bisogno di una quantità maggiore di batterie rispetto a quella originariamente prevista e quindi nel RepoweEu ci potrebbe essere un capitolo dedicato”.

Giornalista

Articoli correlati