Roma, 19/07/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Lanzetta (ENEL): “Oggi, col clima che cambia, dobbiamo progettare le reti come in Nord Africa”

11
Home > News > Elettrificazione > Lanzetta (ENEL): “Oggi, col clima che cambia, dobbiamo progettare le reti come in Nord Africa”

L’intervento del Direttore Italia del Gruppo ENEL al Made in Italy pre-summit di Milano sui temi green dell’efficienza energetica, della sostenibilità e della transizione 5.0: “Il piano strategico di Enel vede tra i suoi pilastri la sostenibilità ambientale e finanziaria e destina importanti investimenti al potenziamento della rete elettrica”.

Lanzetta: “Guideremo l’Italia in una transizione energetica equa e inclusiva”

Io parlerei più di transizione energetica, piuttosto che ecologica. Abbiamo tanti impianti rinnovabili distribuiti in tutto il Paese, anche di privati, e tanti investimenti, anche del Pnrr, sono concentrati sulle reti proprio per questo. E oggi, col clima che cambia, dobbiamo progettare le reti come in Nord Africa, adattandole al clima odierno”, ha dichiarato Nicola Lanzetta, direttore Italia Gruppo Enel, intervenendo al Made in Italy pre-summit intitolato ‘New markets, global trade shifts’, evento digitale organizzato da Il Sole 24 Ore, in collaborazione con Financial Times e Sky Tg24.

Appuntamento che prepara la tre giorni del Made in Italy Summit che partirà il prossimo 1° ottobre e sarà dedicato alle nuove sfide e opportunità per l’export italiano in un mondo sempre più multipolare, segnato dalle crisi in Medioriente e Ucraina.

Il piano strategico di Enel vede tra i suoi pilastri la sostenibilità ambientale e finanziaria e destina importanti investimenti al potenziamento della rete elettrica garantendo che sempre più clienti possano diventare ‘pro-sumer’ grazie anche a strumenti come quelli previsti dalla transizione 5.0. Intendiamo proseguire con determinazione in questa direzione e guidare l’Italia in un percorso di transizione energetica equo e inclusivo”, ha aggiunto il Direttore Italia del Gruppo.

Made in Italy pre-summit

Al focus dedicato a temi green e intitolato “Efficienza energetica e sostenibilità: la rivoluzione di Transizione 5.0” hanno partecipato, oltre a Lanzetta, Gelsomina Vigliotti, Vice President European Investment Bank, Massimo Bitonci, Sottosegretario al Ministero delle Imprese e del Made in Italy, Lara Ponti, Vice Presidente Confindustria per la Transizione Ambientale e gli Obiettivi ESG, e Marco Taisch, Presidente MICS – Made in Italy Circolare e Sostenibile e Professor of Sustainable Manufacturing, Digital Manufacturing e Operations Management, Politecnico di Milano.

Al centro dell’evento il nostro export, il made in Italy, che secondo Sace vale 650 miliardi di euro di PIL, circa un terzo del PIL. Un settore chiave, che può ancora crescere, soprattutto grazie alle piccole e medie imprese che esportano.

Africa e Asia le mete su cui bisognerà impegnarsi di più, come Governo e come Sistema Paese, interpretando correttamente però alcuni processi chiave, come la digitalizzazione, la transizione energetica, la sostenibilità ambientale, rafforzando il percorso di internazionalizzazione delle imprese.

Eventi climatici estremi in aumento, l’impegno del Gruppo ENEL

In precedenza, Lanzetta aveva già ribadito la centralità delle reti e della loro sostenibilità e resilienza relativamente agli effetti più negativi dell’estremizzazione climatica sulle infrastrutture strategiche, quindi anche energetiche.

Negli ultimi 4 anni abbiamo visto che gli eventi estremi da un punto di vista climatico sono aumentati del 40-50%. Quindi serve una rete resiliente e da qui nasce il nostro impegno con il Pnrr“, ha ricordato il direttore Italia Gruppo Enel.

A riguardo l’azienda ha pianificato per i prossimi anni diversi interventi sulle reti energetiche, in particolare quelle per la trasmissione e la distribuzione di energia elettrica.

Sempre in relazione all’impegno del Gruppo in chiave Piano nazionale di ripresa e resilienza, Lanzetta ha precisato: “ci sono 3,5 miliardi che investiremo perché la capacità di hosting e di resilienza diventi sempre migliore; di questi 1,8 miliardi sono dedicati al Sud”.

Giornalista

Articoli correlati