Roma, 23/04/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

PNRR, 500 milioni di euro per la resilienza delle reti elettriche

11reti gestore elettrico nazionale
Home > Policy > Policy Italia > PNRR, 500 milioni di euro per la resilienza delle reti elettriche

Pichetto Fratin: “L’entità degli eventi climatici estremi sul nostro territorio richiede interventi tempestivi per evitare possibili interruzioni di corrente e garantire la continuità dell’approvvigionamento per le famiglie e per il sistema produttivo”.

Nel 2022 l’Italia ha dovuto fare i conti con 310 eventi metereologici estremi, in aumento del 55% rispetto all’anno prima, secondo il Rapporto dell’Osservatorio Cittàclima di Legambiente. Piogge intense, allagamenti, trombe d’aria, vento forte, esondazioni di fiumi, mareggiate, grandinate, ondate di calore estreme, siccità prolungata e frane, sono stati gli eventi più diffusi nel Paese, con gravi ripercussioni non solo sulla popolazione, ma anche sulle infrastrutture critiche.

Tra queste certamente le reti elettriche. Fondamentale è aumentare i livelli di resilienza di queste infrastrutture, proprio per affrontare in sicurezza gli eventi più dannosi e limitarne gli effetti distruttivi. Il ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica ha approvato una misura da 500 milioni di euro di agevolazioni per la realizzazione di 31 progetti finalizzati ad aumentare la resilienza del sistema elettrico.  

In una fase delicata come quella attuale sul fronte energetico non è cruciale solo garantire nuove fonti e nuove connessioni, ma anche migliorare la sicurezza e la qualità della rete esistente. L’entità degli eventi climatici estremi sul nostro territorio richiede interventi tempestivi per evitare possibili interruzioni di corrente e garantire la continuità dell’approvvigionamento per le famiglie e per il sistema produttivo”, ha commentato il ministro dell’Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin.

Come spiegato in una nota, i progetti consentiranno di migliorare la resilienza della rete elettrica per un totale di circa 8.200 chilometri, di cui 1.700 relativi alla rete di trasmissione e 6.500 alla rete di distribuzione, raddoppiando l’obiettivo dell’investimento fissato dal PNRR in 4 mila chilometri di rete.

Serviranno anche a limitare la durata e l’entità delle interruzioni di corrente in caso di fenomeni climatici estremi su 22 reti di distribuzione e 9 di trasmissione.

Gli interventi in questione, che dovranno essere portati a termine entro il 30 giugno 2026, interesseranno  5.200 chilometri al Centro Nord (circa il 63%) e altri 3.000 chilometri nel Mezzogiorno (37%).

Giornalista

Articoli correlati