Roma, 22/02/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Bagnoli (NA): €11 milioni per elettrificare l’ex area industriale. Siglato accordo E-Distribuzione, Terna,Invitalia

11Ex italsider Bagnoli
Home > News > Elettrificazione > Bagnoli (NA): €11 milioni per elettrificare l’ex area industriale. Siglato accordo E-Distribuzione, Terna,Invitalia

Bagnoli-Coroglio, il quartiere partenopeo che ospita lo stabilimento siderurgico dismesso dell’Italsider, sarà finalmente riqualificato. L’accordo siglato da E-Distribuzione, Terna e Invitalia, segna una svolta storica in termini di rigenarazione urbana ed elettrificazione di un’ area considerata di rilevante interesse nazionale. Lo scopo è trasformare la zona in un polo innovativo, sia dal punto di vista energetico, sia sociale ed economico.

Il nuovo accordo per l’area dismessa di Bagnoli

La possibilità di riqualificare l’ex area industriale dismessa di Bagnoli-Coroglio, il quartiere partenopeo che ospitava lo stabilimento siderurgico dell’Italsider, si fa sempre più concreta. La svolta potrebbe arrivare in seguito all’accordo siglato da Invitalia, Terna ed E-Distribuzione, un’ iniziativa che apre la strada a una serie di attività e lavori che daranno un nuovo volto all’area e che hanno come punto di partenza l’articolo 33 del decreto-legge n. 133/2014, per il risanamento ambientale e la rigenerazione urbana delle aree di rilevante interesse nazionale.

La bonifica dell’area

L’accordo prevede numerose azioni volte a risanare il quartiere storico. Tra le più importanti ci sono la bonifica dell’area per circa 200 ettari e la realizzazione di un parco urbano di circa 130 ettari che sarà il cuore pulsante del nuovo insediamento e ospiterà manufatti di archeologia industriale, spazi per la ricerca, attività per lo sport e il tempo libero. Lo scopo è realizzare un luogo innovativo e sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale ed economico, mediante l’integrazione di residenze, aree verdi, attività ricettive, commerciali ed infrastrutture.

11 milioni di euro per l’elettrificazione

La fattibilità tecnica per l’elettrificazione della zona sarà ad opera di E-Distribuzione, che con il patrocinio del Commissario Straordinario di Governo (il Sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi) ha il compito di definire ruoli e impegni per il potenziamento e lo sviluppo dell’infrastruttura elettrica. In carico a E-D, in particolare, ci sarà la costruzione di nuova Cabina Primaria con quattro trasformatori, asset della rete che saranno perfettamente integrati nel contesto paesaggistico, per un investimento complessivo di 11 milioni di euro, così da soddisfare il carico elettrico per l’intera area, stimato da Invitalia di almeno 55 MW. Il nuovo impianto, con la rete in Media e Bassa Tensione conseguente, alimenterà la zona, supportando anche l’attuale infrastruttura elettrica di Napoli a beneficio di tutti i cittadini partenopei.L’azienda fa sapere che il territorio di Napoli è al centro del piano investimenti  del triennio 2024-2026, il più ambizioso nella storia dell’elettrificazione d’Italia, anche grazie al PNRR.

Un’intesa chiave per lo sviluppo energetico del territorio

A firmare l’intesa, presso l’Auditorium Porta del Parco, sono stati Vincenzo Ranieri, Amministratore Delegato di E-Distribuzione e Gaetano Manfredi, Sindaco di Napoli in qualità di Commissario Straordinario di Governo, insieme a Pier Francesco Zanuzzi, AD di Terna Rete Italia, e Giovanni Portaluri, Responsabile Investimenti Pubblici di Invitalia.

Questo Accordo di Elettrificazione rappresenta un elemento fondamentale per il presente e il futuro di Bagnoli. Con queste opere, stiamo aprendo la strada a innovazione e sostenibilità. La nuova cabina primaria non è solo una struttura fisica, ma il simbolo di una Bagnoli rinnovata: segniamo l’avvio di una fase in cui la rigenerazione urbana e la transizione energetica si fondono, delineando un modello di sviluppo che mira all’eccellenza ambientale, energetica ed economica. La nuova Bagnoli è un esempio di come la collaborazione inter-istituzionale possa dare vita a progetti di portata storica” ha dichiarato il Commissario Straordinario.

Articoli correlati