Roma, 18/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Arera, le ultime segnalazioni su elettrico e gas

11ARERA
Home > News > Arera, le ultime segnalazioni su elettrico e gas

Tra gli atti e le comunicazioni più importanti relativi ai settori dell’ elettrico e del gas, effettuate dall’ARERA, l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente, nell’ultima settimana, da segnalare sono l’aggiornamento delle stime sullo stoccaggio di ultima istanza, le aste per consulenza e vulnerabilità, il mancato riconoscimento dei bonus sociali, le proposte sul settlement e il bilanciamento nel settore del gas naturale.

Stoccaggio di ultima istanza: buco di €4,7mld

Nell’aggiornare le stime sullo stoccaggio di ultima istanza, l’ARERA ha segnalato un “buco” di 4,7 mld €. Si tratta, in pratica, delle partite economiche afferenti al servizio di riempimento degli stoccaggi. Dai dati risulta che, con riferimento ai quantitativi acquistati pari a 37,7 milioni di MWh, ad oggi sono stati oggetto di cessione e consegna 14,6 milioni di MWh, con costi di approvvigionamento consuntivati pari a 6.684,13 milioni di euro. I ricavi da cessioni consuntivati, fa sapere l’Autorità, ammontano a 737,61 milioni, mentre la stima dei ricavi da future cessioni è pari a 886,26 milioni, con 350 milioni di euro stanziati dalla Legge di Bilancio 2023. In definitiva i costi non coperti sono pari a 4.710,26 milioni di euro.

Fine tutela, BIP e Deloitte in corsa per servizio di consulenza

Business Integration Partners Spa e Deloitte Risk Advisory Srl Società Benefit si contendono il servizio di consulenza messo a gara da ARERA per la valutazione delle relazioni, con cui i fornitori del servizio a tutele graduali per i clienti domestici non vulnerabili devono illustrare alla Direzione Mercati Energia le risorse tecniche e operative (attuali e nei mesi successivi all’assegnazione definitiva dei nuovi clienti) di cui si doteranno nelle aree territoriali aggiudicate. Il servizio da affidare comprende anche l’identificazione dei requisiti di partecipazione alle aste per l’assegnazione del servizio di vulnerabilità e la predisposizione della relazione sui costi non recuperabili a carico degli esercenti la maggior tutela. 

Bonus sociali, mancato riconoscimento

Con la determina 7/2024 – Dicu del 6 giugno, l’ARERA ha approvato le comunicazioni per informare gli interessati dell’esito negativo del procedimento per il riconoscimento automatico dei bonus sociali, con le relative motivazioni e ulteriori indicazioni. Le comunicazioni riguardano in particolare: 

  • il mancato riconoscimento del bonus sociale elettrico e/o gas; 
  • il mancato riconoscimento del bonus sociale idrico agli utenti diretti; 
  • il mancato riconoscimento del bonus sociale gas per forniture condominiali; 
  • le modalità di riscossione del bonus sociale idrico in caso di gestori idrici non accreditati al Sistema informativo integrato. 

Per quanto riguarda i bonus elettrico e gas, il Sii invierà, a partire dalle Dsu trasmesse da Inps dal febbraio 2025, la comunicazione di esito negativo.

Settlement e bilanciamento gas, proposte entro il 5 luglio

Con il documento per la consultazione 221/2024/R/gas del 4 giugno l’Autorità ha proposto alcune modifiche alla disciplina del settlement e del bilanciamento nel settore del gas naturale. Per quanto riguarda il settlement, il documento fa riferimento in particolare, alle tempistiche per il passaggio di trattamento da annuale (MY) a mensile (MM) per i PdR messi in servizio da più di 12 mesi (si propone il passaggio massivo di trattamento da MY a MM a decorrere dal 1° ottobre 2024 per tutti i PdR già dotati di smart meter alla data del 30 giugno 2024), ma anche alla gestione del bilanciamento per i PdR MM, alle modifiche alla formula di profilazione dei consumi, all’approvvigionamento dei volumi necessari al servizio di default trasporto. Con riferimento alla disciplina del bilanciamento, le proposte riguardano: l’aggiornamento dello small adjustment; la disciplina in materia di incentivi per migliorare le performance del responsabile del bilanciamento, con possibili innovazioni degli indicatori p2, p3, p4 e p5, la possibile introduzione dell’indicatore p6 (prelievi attesi) e un nuovo periodo di incentivazione di 4 anni. Le osservazioni dovranno essere trasmesse entro il 5 luglio 2024.

Articoli correlati