Roma, 15/04/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

IA per decarbonizzare le acciaierie AFV. L’accordo con Edison

11Acciaierie Vicenza
Home > News > Idroelettrico > IA per decarbonizzare le acciaierie AFV. L’accordo con Edison

Edison Next ha siglato un accordo della durata di 5 anni con AFV Beltrame Group per il monitoraggio dei consumi energetici degli stabilimenti siderurgici ad elevato consumo energetico del Gruppo, in Italia e all’estero. La piattaforma innovativa di energy intelligence permetterà di monitorare, gestire e ottimizzare i consumi energetici di circa 20 siti, tra cui 12 centrali idroelettriche.

L’accordo tra Edison Next e AFV Beltrame

Sfruttare digitalizzazione e intelligenza artificiale per il monitoraggio dei consumi energetici e favorire così la decarbonizzazione dei grandi stabilimenti industriali. L’accordo quinquennale siglato tra Edison Next e AFV Beltrame Group, realtà siderurgica internazionale, mira alla conversione digitale degli impianti in tutti i siti produttivi del Gruppo, Si tratta principalmente di tre stabilimenti produttivi in Italia, uno in Francia, uno in Svizzera e due in Romania, che prevedono processi industriali a elevato consumo energetico. A questi si aggiungono tredici siti, localizzati in Italia e dedicati alla produzione di energia rinnovabile.

La piattaforma innovativa basata sull’IA

Più nel dettaglio, la piattaforma innovativa di energy intelligence introdotta da Edison Analytics in collaborazione con Metron Italia, consente di monitorare, gestire e ottimizzare i consumi energetici. Grazie all’intelligenza artificiale basata sul Machine Learning, ovvero la capacità di apprendimento automatico attraverso una serie di algoritmi che analizzano i dati storici e prevedono le esigenze energetiche degli impianti analizzati, il sistema, oltre a permettere una rendicontazione puntuale di consumi ed emissioni dei singoli stabilimenti, si configura come uno strumento fondamentale per l’individuazione di strategie energetiche di lungo periodo che abilitano il raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione.

I vantaggi

Tra i vantaggi del nuovo metodo, c’è sicuramente la possibilità di individuare aree di efficientamento, e dunque permettere risparmi energetici dal significativo impatto economico: partendo dall’individuazione degli sprechi d’energia fino ad arrivare ad applicazioni di ottimizzazione mediante AI. Non solo, questo tipo di analisi consente inoltre di individuare derive negative nei consumi, verificandone l’andamento e permettendo quindi di monitorare le performance dei diversi impianti. Più nello specifico, l’installazione di questo sistema si inquadrerà all’interno del più ampio percorso di decarbonizzazione intrapreso da AFV Acciaierie Beltrame Spa,che ha acquisito di recente 12 centrali idroelettriche situate nell’arco alpino italiano. Si tratta di asset che forniranno un contributo sensibile di energia rinnovabile consentendo di realizzare l’autoconsumo a distanza e contribuendo al raggiungimento degli obiettivi di neutralità carbonica.

Monitoraggio dei parametri di funzionamento

La decarbonizzazione dei settori hard to abate è una sfida importante e complessa che coinvolge non solo aspetti energetici, ma anche di processo e necessita l’introduzione di tecnologie innovative con l’obiettivo di garantire la sostenibilità ambientale e la competitività di questi settori – dichiara Giancarlo Russo, Head of Sales Industry. – L’introduzione delle tecnologie digitali permette di compiere il primo e fondamentale passo nel percorso di decarbonizzazione, l’ottimizzazione dei consumi: il digitale, infatti, garantisce un migliore monitoraggio dei parametri di funzionamento dei processi energetici e una maggiore automazione degli stessi, portando più efficienza nell’utilizzo delle risorse e, di conseguenza, rilevanti risparmi energetici.”

Articoli correlati