Roma, 17/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

IEA, scelti i ministri che valuteranno gli ultimi sviluppi dei mercati energetici globali

11IEA
Home > Policy > Policy Mondo > IEA, scelti i ministri che valuteranno gli ultimi sviluppi dei mercati energetici globali

L’ Agenzia Internazionale per l’Energia, in vista della riunione ministeriale del 2024 che avrà lo scopo di definire il mandato dell’Agenzia e verificarne i risultati, ha nominato i ministri irlandese e francese per co-presiedere l’incontro al vertice.

L’incontro ministeriale del 2024

Saranno due europei a co-presiedere la consueta riunione biennale di valutazione, che stavolta coinciderà con il cinquantesimo anniversario dell’Agenzia Internazionale per l’Energia. Il ministro irlandese per l’ambiente, il clima e le comunicazioni Eamon Ryan e il ministro francese per la transizione energetica Agnès Pannier-Runacher sono, infatti, stati eletti dal consiglio di amministrazione dell’ IEA, per la riunione ministeriale di Parigi 2024.

Quattro vicepresidenti in vista della riunione ministeriale 2024

Il consiglio di amministrazione ha anche eletto quattro vicepresidenti per la riunione: Chris Bowen, ministro australiano per i cambiamenti climatici e l’energia; Jonathan Wilkinson, ministro delle risorse naturali del Canada; Rob Jetten, ministro olandese per il clima e la politica energetica; e Anna Moskwa, ministro del clima e dell’ambiente della Polonia.

Un’occasione per valutare gli ultimi sviluppi nei mercati energetici globali 

L’incontro al vertice si terrà a Parigi nel febbraio 2024, in coincidenza con il 50° anniversario della fondazione dell’Agenzia. La riunione ministeriale si svolge ogni due anni per definire il mandato dell’Agenzia e verificarne i risultati. Quella programmata per il 2024 offrirà ai Paesi un’opportunità fondamentale per valutare gli ultimi sviluppi nei mercati energetici globali e per far progredire la cooperazione internazionale sulla sicurezza energetica, affrontando insieme il cambiamento climatico.

Articoli correlati