Roma, 18/04/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

PNRR: nel 2022 spesi dal MASE 6 dei 70 miliardi destinati alla transizione ecologica

11smart cities
Home > Policy > Policy Italia > PNRR: nel 2022 spesi dal MASE 6 dei 70 miliardi destinati alla transizione ecologica

Il Mase ha raggiunto gli obiettivi per il 2022 riguardanti le misure previste dal PNRR in tema di tutela ambientale. In tutto sono stati investiti solo 6 dei 70 miliardi destinati alla Transizione ecologica, concentrati soprattutto su smart grid, economia circolare, riqualificazione e mobilità sostenibile.

Le misure del PNRR

Nel 2022 sono stati spesi solo 6 dei 70 miliardi destinati alla rivoluzione verde e alla transizione ecologica dal PNRR, ma gli interventi messi in moto dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica rispecchiano i tempi concordati con l’Unione europea. 

La maggior parte delle azioni implementate ha riguardato i grandi temi dell’agricoltura sostenibile, dell’economia circolare, della transizione energetica, della mobilità sostenibile e della rigenerazione urbana, fino ai provvedimenti in materia di risorse idriche e inquinamento. Lo scopo delle misure sovvenzionate dal Piano di resilienza è migliorare la sostenibilità del sistema economico e assicurare una transizione equa e inclusiva verso una società a impatto ambientale pari a zero.

La tutela ambientale è, infatti, la priorità del PNRR che destina alla rivoluzione verde e alla transizione ecologica le maggiori risorse (70 miliardi in tutto sui 235 del piano).

Gli investimenti

Secondo i dati riportati dal Ministero, complessivamente nel 2022 sono stati raggiunti 20 obiettivi, 11 nel primo semestre e 9 nell’ultimo. Gli investimenti si sono concentrati in modo particolare su:

Isole verdi: approvata la graduatoria per 200 milioni di euro di progetti relativi al bando.

– Rafforzamento delle smart grid: aggiudicati progetti per 3,61 miliardi per l’aumento della capacità di rete per la distribuzione di energia rinnovabile e l’elettrificazione dei consumi energetici.

– Interventi su resilienza climatica reti: aggiudicati progetti per 500 milioni per migliorare la resilienza della rete del sistema elettrico.

Tutela e valorizzazione del verde urbano ed extraurbano: messa a dimora di oltre due milioni di specie arboree e arbustive, superando il target di un milione e 650 mila.

– Promozione teleriscaldamento efficiente: aggiudicati progetti per 200 milioni di euro per realizzazione di nuove reti o ampliamento di quelle esistenti

Porti Verdi: aggiudicati progetti per una prima componente di 115 milioni di euro alle Autorità di sistema portuale. 

Riqualificazione dei siti orfani: adottato il piano d’azione.

Tra i vari provvedimenti il ministero ha, inoltre, messo in atto misure per garantire la piena capacità gestionale per i servizi idrici integrati e stabilito criteri ambientali minimi per eventi culturali finanziati con fondi pubblici.

Articoli correlati