Roma, 14/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Pannelli solari verticali, la Corea del Sud progetta una pellicola che mitiga le perdite di riflessione

11
Home > News > Solare > Pannelli solari verticali, la Corea del Sud progetta una pellicola che mitiga le perdite di riflessione

Un team di ricercatori di fisica della Kyung Hee University, in collaborazione con gli ingegneri della Hyundai Motor Group, ha messo a punto un rivestimento antiriflesso omnidirezionale destinato ai pannelli solari verticali.

Aumentare l’efficienza del fotovoltaico

I pannelli solari verticali costituiscono una delle strategie vincenti per incrementare la capacità fotovoltaica installata, limitando lo spazio occupato. Soprattutto, nel momento in cui gli impianti sono destinati ad ambiti dove l’utilizzo del suolo è circoscritto, come le aree agricole – si parla di agrovoltaico per massimizzare la produzione di energia e la resa dei raccolti – oppure urbane (ecco l’esempio della Svizzera, con i pannelli solari verticali installati su muri di contenimento stradale).

C’è di più. L’opportunità di integrarli direttamente nel costruito – dalle facciate dei palazzi ai muri di sostegno alle dighe idroelettriche –, restituisce interessanti possibilità per ottenere una maggiore densità di potenza.

Rivestimento antiriflesso omnidirezionale

Al contempo, però, i pannelli solari verticali presentano delle peculiarità tutt’altro che trascurabili, legate proprio allo loro geometria (a partire dalla variazione gli angoli di incidenza di luce diretta, che possono risultare relativamente ampi nel corso del giorno). Da qui l’importanza di fornire ai moduli solari verticali una tecnologia antiriflesso sia funzionale sia adatta alle caratteristiche.

E sempre dalla Corea del Sud – dove un team di ricerca del DGIST (Daegu Gyeongbuk Institute of Science and Technology) ha sviluppato un dispositivo autopulente per i pannelli solari – arriva la notizia della messa a punto di un nuovo rivestimento antiriflesso omnidirezionale ideato ad hoc per i pannelli solari verticali. Pubblicata su Cell Press, l’innovativa ricerca è stata condotta da un team di fisici dell’Università Kyung Hee, in partnership con ingegneri della Hyundai Motor Group.

Lastra con microprismi ad altissima resa

Gli scienziati sudcoreani hanno dunque creato il nuovo rivestimento, che è un foglio in Pet (Polietilene tereftalato) – materia sintetica termoplastica contraddistinta da un’ottima resistenza chimica e proprietà di barriera, buona solidità, rigidità, resistenza all’usura e all’abrasione –, inciso con microprismi cuneiformi. A seguito dei test effettuati, il foglio ha mostrato una rilevante capacità di mitigare le perdite legate alla riflessione della luce solare, mostrando una rilflettività superficiale inferiore a 0,01 a tutti gli angoli di incidenza e lunghezze d’onda della luce solare diretta.

I test interni ed esterni hanno attestato che la lastra con microprismi è in grado di contribuire alla raccolta di energia degli pannelli solari verticali in ogni luogo di installazione nel corso dell’intero anno”, spiegano con soddisfazione i ricercatori.

Dalla Corea del Sud all’Europa, dove alla fine del 2023 un team di scienziati dell’Organizzazione olandese per la ricerca scientifica applicata (Nederlandse Organisatie voor Toegepast Natuurwetenschappelijk Onderzoek, TNO) ha condotto una serie di simulazioni per comprendere perché gli impianti fotovoltaici verticali tendono a fornire guadagni di rendimento inaspettati rispetto alle coperture orizzontali. Riuscendo poi a scoprire che le installazioni verticali hanno temperature di esercizio assai più basse.

Articoli correlati