Roma, 20/02/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Boom delle rinnovabili con +50% nel 2023. Merito della Cina e del solare. Il rapporto IEA

11IEA
Home > Policy > Policy Mondo > Boom delle rinnovabili con +50% nel 2023. Merito della Cina e del solare. Il rapporto IEA

L’ultima edizione del rapporto annuale IEA Renewable 2023, segnala una crescita del 50% della capacità di generazione elettrica da fonti rinnovabili nell’anno appena concluso. Si tratta di un record assoluto, mai registrato in trent’anni di storia delle rinnovabili. Un risultato che fa ben sperare in previsione della possibilità di triplicare la capacità energetica e raggiungere, dunque, l’obiettivo di 11mila GW complessivi entro il 2030.

IL RAPPORTO

Rinnovabili aumentate del 50%

Quello appena concluso è stato un anno spettacolare per le energie rinnovabili, ma dobbiamo aspettarci passi da gigante anche nel futuro più prossimo. Da quanto riporta l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) nel suo ultimo rapporto, la capacità di espansione delle energie rinnovabili nel mondo da trent’anni a questa parte non è mai stata così elevata, tanto da condurre ad un aumento del 50% solo nel 2023.

Il merito alla Cina?

Lo scenario dipinto dall’Agenzia è più che roseo e prospetta la possibilità di triplicare la capacità di generazione elettrica da fonti rinnovabili (11mila GW complessivi nel mondo) entro il 2030, proprio come previsto in sede di Cop28. Quello che sembrava impossibile si sta dunque realizzando? Secondo l’ultima edizione del report annuale Renewable 2023, pubblicato sui sito IEA, il merito di questa crescita esponenziale sarebbe anche della Cina, che nel 2023 ha commissionato una quantità di energia solare fotovoltaica pari a quella del mondo intero nel 2022. In questo contesto,infatti, in cui si sarebbero raggiunti già quasi 510 GW di capacità rinnovabile a livello mondiale, il solare fotovoltaico occupa una posizione rilevante, rappresentando i tre quarti delle quote aggiuntive. Ma il gigante asiatico non si è limitato al solare, registrando su base annua un aumento del 66% anche della produzione di energia eolica. 

Entro il 2025 rinnovabili prima fonte di produzione elettrica

Sebbene la Cina traini le nuove installazioni, non si può sottovalutare l’apporto significativo offerto  dall’aumento della capacità di energia rinnovabile in Europa, Stati Uniti e Brasile, Paesi che hanno raggiunto livelli massimi storici. Il documento prevede che, considerate le politiche e le condizioni di mercato esistenti, la capacità globale di energia rinnovabile crescerà fino a 7.300 GW nel periodo coperto dalle previsioni, ossia 2023-28. Nella classifica delle principali fonti elencate, vi sono in testa solare fotovoltaico ed eolico,con il 95% dell’espansione. Il dato emergente è che, stando a queste proiezioni, entro l’inizio del 2025 le energie rinnovabili saranno diventate la principale fonte di produzione elettrica globale, superando di gran lunga il carbone. 

Le 4 sfide dei Governi

La IEA nel rapporto fa riferimento ad alcuni degli ostacoli che i Governi devono superare per colmare il divario e raggiungere oltre 11.000 GW entro il 2030. Una delle principali sfide nei prossimi anni consisterà, ad esempio, nell’eliminare le barriere e i ritardi amministrativi. Non da meno il problema dell’incertezza politica e le risposte alla nuova situazione macroeconomica. Infine, andrebbe affrontata la questione degli investimenti, ancora insufficienti nelle infrastrutture di rete, in modo particolare nelle economie in via di sviluppo. Inoltre, nel rapporto si segnala che nel mondo al momento, sono in attesa di connessione, impianti solari ed eolici per oltre 3mila Gigawatt, di cui circa la metà in stadio avanzato di sviluppo.

Idrogeno rinnovabile

Il rapporto fornisce anche un quadro realistico (e piuttosto pessimistico) dello slancio registrato nella produzione dell’idrogeno da fonti rinnovabili. Di tutti i progetti annunciati in questo decennio, si prevede infatti che solo il 7% della capacità proposta sarà effettivamente operativa entro il 2030. La lentezza dei progetti e una fame modesta da parte degli investitori, derivante dai costi elevati, hanno rallentato di molto i progressi nel settore.

Biocarburanti

Nel 2023 è venuto alla ribalta anche il ruolo dei biocarburanti. Si prevede che le economie emergenti, guidate da Brasile e India, guideranno il 70% della domanda globale nei prossimi cinque anni, quando i biocarburanti inizieranno a mostrare il loro vero potenziale come sostituti di carburanti altamente inquinanti.

Articoli correlati