Roma, 17/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Schaeffler e Vitesco: una holding tedesca per rafforzare il settore della mobilità elettrica

11
Home > News > Elettrificazione > Schaeffler e Vitesco: una holding tedesca per rafforzare il settore della mobilità elettrica

Schaeffler vuole acquisire al 100% l’azienda tedesca Vitesco.

L’ambizione di Schaeffler 

Adesso l’ambizione dell’azienda tecnologica Schaeffler è acquistare al 100% Vitesco Technologies, multinazionale automobilistica con sede in Germania.

Schaeffler produce diversi prodotti per il settore aerospaziale e automotive, e detiene già il 49% delle azioni del gruppo tedesco.

Ora però, vuole aumentare la propria quota, e ha lanciato un’offerta pubblica per acquistare tutte le azioni in circolazione della compagnia, per un importo pari a circa 3,6 miliardi di euro da investire su nuovi motori per EV

Su questo settore, la Germania sta vivendo negli ultimi anni una crescita significativa, grazie a incentivi finanziari, alla costruzione di una rete solida di stazioni di ricarica e a delle normative sull’accesso al centro città per incentivare l’utilizzo di veicoli più sostenibili.

Un unico gruppo per la mobilità elettrica

L’unione delle due società potrebbe dar vita a un unico gruppo, una stessa holding che vuole puntare sulla mobilità elettrica e su soluzioni tecnologiche più green da poter applicare in diversi ambiti. 

Schaeffler prevede di pubblicare il documento di offerta il 15 novembre, dopo aver ottenuto l’approvazione dell’agenzia governativa tedesca Bafin, che controlla il corretto funzionamento del sistema finanziario e dei mercati.

Tutte le operazioni si dovrebbero poi concludere entro il mese di gennaio, nel 2024, o almeno così si spera. 

Il gruppo tedesco  crede fortemente in Vitesco, considerandolo come il partner ideale per rafforzare il passaggio ai motori elettrici, e credendo che, da questa collaborazione, si potranno ottenere sinergie di costi e ricavi pari a 600 milioni di euro annui, una volta che la holding sarà poi entrata pienamente a regime.

Articoli correlati