Roma, 27/02/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Quali sono gli effetti sociali della decarbonizzazione? Nasce TRES, il nuovo Osservatorio per una Transizione Energetica Sostenibile

11sostenibilità
Home > News > Elettrificazione > Quali sono gli effetti sociali della decarbonizzazione? Nasce TRES, il nuovo Osservatorio per una Transizione Energetica Sostenibile

Le ricadute della transizione energetica e del processo di decarbonizzazione sul mondo del lavoro e dell’economia possono avere effetti diversi in base all’approccio adottato. Monitorare tecnologie e normative, sia nazionali che comunitarie, ed accompagnare il cambiamento instaurando nuovi equilibri, è lo scopo dell’Osservatorio Transizione Energetica Sostenibile (TRES) inaugurato da Femca, la Federazione Cisl che si occupa di Energia.

Il nuovo osservatorio TRES

Accompagnare il cambiamento, non subirlo. Questo lo scopo del nuovo Osservatorio Transizione Energetica Sostenibile (TRES) inaugurato dalla Femca, la Federazione Cisl che si occupa di Energia, Moda e Chimico-Farmaceutico. 

Monitoraggio di tecnologie e normative

L’obiettivo principale del nuovo organismo consiste nel monitorare tecnologie e normative, nazionali e comunitarie connesse al Net Zero Industry Act, il Piano industriale Verde dell’Unione Europea. Tra queste sicuramente il PNIEC, sul quale il TRES potrà intervenire fino a giugno 2024, e il PNRR. Sul tavolo ci sono temi come la filiera dei nuovi combustibili, dai bio agli e-fuels fino all’idrogeno, le ricadute del mondo del lavoro sulla Green Economy, ma anche efficienza energetica, digitalizzazione, sicurezza e innovazione.

Gli effetti sociali della decarbonizzazione

La transizione energetica sostenibile, nonché quella industriale verde richiede necessariamente processi di trasformazione, innovazione e digitalizzazione lunghi e complessi, che agiranno su cinque dimensioni: sicurezza ed efficienza energetica, decarbonizzazione, mercato interno e ricerca/innovazione. “Gli effetti sociali, non trascurabili, dovranno essere ammortizzati opportunamente e non potranno, in ogni caso, scaricarsi sui lavoratori e sui più deboli, già colpiti duramente dal Covid, dagli effetti della crisi energetica, dall’emergenza della guerra in Ucraina e dall’inflazione” ha dichiarato Nora Garofalo, Segretaria Generale della Femca. Anche per il Segretario Nazionale del Comparto Energia, Sebastiano Tripoli, l’articolato sistema regolatorio del Green Deal europeo ha bisogno di nuovi equilibri che consentano di farlo divenire socialmente desiderabile per cittadini e lavoratori. È importante, infatti, che le diverse azioni in campo possano arginare la nuova frattura ideologica apertasi tra progressisti e conservatori nell’Unione, riguardo ai tempi e alle modalità della lotta al cambiamento climatico.

Il sostegno del TRES alle rinnovabili 

Secondo i promotori del nuovo osservatorio, il dispiegamento della transizione energetica deve avere la determinazione necessaria per perseguire l’obiettivo strategico di aumento massivo delle energie rinnovabili. Un traguardo necessario alla sicurezza e all’economia degli approvvigionamenti energetici nell’Unione Europea e in particolare in Italia, terra in cui la ricerca sui bio-combustibili risulta particolarmente avanzata.

Articoli correlati