Roma, 05/12/2023 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Le parole di Fratin sulle rinnovabili: “Servono sforzi su tutti i livelli per non restare indietro” 

11incremento rinnovabili
Home > News > Elettrificazione > Le parole di Fratin sulle rinnovabili: “Servono sforzi su tutti i livelli per non restare indietro” 

Alla Fiera Ecomondo di Rimini, il ministro del Mase, Gilberto Pichetto Fratin, sottolinea quanto sia necessario uno sforzo comune per raggiungere gli obiettivi sperati. 

Le parole del ministro

Le parole del ministro del Mase, Gilberto Pichetto Fratin, durante la giornata di apertura della Fiera di Rimini Ecomondo, evidenziano quanto sia fondamentale l’impegno di tutti per raggiungere i 6 GW di potenza installata al 2023.

Il tema principale dell’evento sulla transizione ecologica è stato infatti lo sviluppo delle fonti alternative non solo nel Paese ma in tutta Europa, allo scopo di promuovere nuovi modelli di economia circolare e rigenerativa. 

Fratin ha partecipato alla cerimonia inaugurale dell’incontro, visitando i diversi padiglioni espositivi e dichiarando che “sulle rinnovabili serve uno sforzo a tutti i livelli tra Stato, Regioni e Comuni”.

Temi affrontati

Tra i temi da lui affrontati anche l’accelerazione sulle tecnologie, la consapevolezza italiana di avere tutto il potenziale per far crescere quota di energia green e il tema dell’idroelettrico e del mercato libero.

Il ministro parla infatti di una “metamorfosi” che sta vivendo la Nazione e che bisogna accogliere come opportunità per migliorarsi.

Dati Ispra sulla decarbonizzazione

Tutto questo è stato analizzato anche sulla base degli ultimi dati Ispra sulla decarbonizzazione, e da ciò che è emerso dagli Stati generali della Green economy di Ecomondo. 

Su alcuni settori, come industria e agricoltura, la Penisola italiana sembra si stia impegnando molto di più rispetto ad altri Stati membri per ridurre il più possibile l’inquinamento ambientale.

Il problema però è che, secondo delle stime preliminari dell’Istituto pubblico di ricerca, nel 2022 le emissioni nazionali sono rimaste sostanzialmente pari a quelle del 2021, e questo, in un’ottica di neutralità climatica, preoccupa parecchio. Come evolverà la situazione?

Articoli correlati