Roma, 23/04/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Green Deal UE: 380 milioni di euro per nuovi progetti “verdi”

11green deal
Home > Policy > Policy Europa > Green Deal UE: 380 milioni di euro per nuovi progetti “verdi”

Il programma LIFE è lo strumento di finanziamento europeo per l’ambiente e l’azione per il clima propedeutico al raggiungimento degli obiettivi dell’ambizioso Green Deal Europeo. Dal 1992  ad oggi ha cofinanziato più di 5.500 progetti. Per il periodo 2021-2027, l’UE ha incluso il nuovo sottoprogramma “Transizione verso l’energia pulita” grazie al quale si prevede un finanziamento di circa 5,4 miliardi di euro.

Programma LIFE

La Commissione Europea ha approvato il finanziamento di 168 nuovi progetti in tutta Europa per un valore di oltre 380 milioni di euro nell’ambito del programma LIFE per l’ambiente e l’azione per il clima. 

Centrali per il raggiungimento del Green Deal europeo, i progetti LIFE sono considerati propedeutici al conseguimento della neutralità climatica e agli obiettivi energetico-ambientali fissati dall’Unione Europea per il 2050. Rispetto allo scorso anno il finanziamento ha avuto un incremento del 27%, per un investimento totale di oltre 562 milioni di euro.

Biodiversità, ripristino degli ecosistemi naturali, economia circolare e transizione verso fonti energetiche alternative,  i temi centrali del programma LIFE, suddiviso in quattro sottoprogrammi corrispondenti

Progetti LIFE già finanziati

Biodiversità

Per migliorare la gestione della biodiversità, ripristinare la connettività e migliorare la salute dell’ecosistema, in Nord Europa e Paesi Baltici è stato implementato il Progetto Nature ( in particolare a Tartu in Estonia, ad Aarhus in Danimarca e a Riga, Lettonia).

Tra le misure previste vi sono il rinvigorimento degli habitat e l’impegno delle comunità di queste città a partecipare ai lavori di conservazione e ricostruzione.

Economia Circolare

Per promuovere un’economia più circolare, un progetto spagnolo incentiva l’impiego di trattori ibridi o completamente elettrici nei vigneti e nei frutteti, nonché l’elettrificazione dei macchinari ausiliari. Questo progetto mostrerà come ridurre il consumo di carburante del 45% e l’uso di olio lubrificante del 30%. In Italia, un altro progetto mira a sviluppare un nuovo modello di business dell’economia circolare basato sulla raccolta, lo smistamento e il riciclaggio di scarpe da esterno. Lo scopo è ottenere materie prime secondarie che verranno utilizzate per produrre nuove scarpe di alta qualità.

Clima

Per sostenere l’adattamento ai cambiamenti climatici nel settore agricolo, un progetto cipriota e greco svilupperà e promuoverà tecniche innovative per ridurre i rischi associati alla desertificazione, alle pratiche agricole non sostenibili e agli incendi boschivi. Nel frattempo, in Lettonia e Finlandia, è stato finanziato un progetto per attuare misure di mitigazione del cambiamento climatico nelle torbiere. Previsto l’utilizzo di strumenti innovativi per il monitoraggio delle emissioni di gas a effetto serra e il ripristino delle torbiere, compresi il telerilevamento e la modellazione.

Fonti rinnovabili e comunità energetiche 

Per quanto riguarda la transizione energetica verso un utilizzo sempre più massiccio delle fonti rinnovabili,  in cinque Paesi UE è prevista l’apertura di 16 nuovi sportelli unici volti a facilitare la ristrutturazione energetica in migliaia di case. Numerosi progetti, inoltre, daranno una spinta alle comunità energetiche a livello locale e regionale, incoraggiandole ad investire in progetti di efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

I nuovi progetti del Programma LIFE

Natura e biodiversità

27 progetti su natura e biodiversità beneficeranno di un bilancio totale di quasi 195 milioni di euro, a cui l’Unione contribuirà con circa 127 milioni di euro. 

38 progetti per l’ambiente e l’efficienza delle risorse mobiliteranno 144 milioni di euro, di cui 86 milioni forniti dall’UE.

7 progetti di governance ambientale forniranno alle autorità pubbliche gli strumenti necessari per promuovere, monitorare e applicare la legislazione ambientale dell’UE. Questi progetti beneficeranno di un bilancio totale di oltre 10 milioni di euro, al quale l’Unione contribuirà con oltre 6 milioni di euro.

Azione per il clima

Un totale di 30 progetti LIFE per un valore di circa 114 milioni di euro contribuiranno all’attuazione della legge sul clima e della strategia dell’UE sull’adattamento ai cambiamenti climatici, incoraggiando la transizione verso un’economia climaticamente neutra, efficiente dal punto di vista energetico, basata sulle energie rinnovabili e resiliente. 

  • 11 progetti per 50 milioni di euro  di cui circa 30 forniti dall’UE, contribuiranno a ridurre le emissioni di gas serra attraverso una gestione sostenibile del territorio, delle foreste e del mare, fornendo soluzioni innovative per l’energia pulita, la sostituzione e il riutilizzo dei gas fluorurati ad effetto serra. 
  • 13 progetti per aiutare città e Regioni ad adottare soluzioni sostenibili di adattamento al cambiamento climatico in agricoltura, silvicoltura e gestione delle risorse idriche; nonchè rafforzare la resilienza delle infrastrutture e degli edifici mobiliteranno circa 52 milioni di euro, di cui oltre 30 milioni provenienti da fondi dell’UE.
  • 6 progetti LIFE per la governance e l’informazione in materia di clima hanno lo scopo di informare il pubblico e le parti interessate sui cambiamenti climatici. Il loro budget totale è di circa 12 milioni di euro, di cui l’UE contribuisce con oltre 7 milioni di euro.

Energia pulita

67 progetti saranno dedicati al miglioramento del mercato e delle condizioni normative favorevoli alla transizione verso l’energia pulita nell’UE, in particolare promuovendo e implementando soluzioni per l’efficienza energetica e le energie rinnovabili su piccola scala. A questi l’Unione contribuirà con circa 96 milioni di euro. Questi progetti sostengono le politiche in materia di energie rinnovabili e di efficienza energetica stabilite nel piano REPowerEU e nel pacchetto “Adeguamento al target 55”, nonché gli obiettivi generali dell’Unione in materia energetica.

Articoli correlati