Roma, 04/03/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Idrogeno verde, in Oman 6,7 miliardi di dollari per il più grande impianto di produzione al mondo

11idrogeno pulito
Home > News > Idrogeno > Idrogeno verde, in Oman 6,7 miliardi di dollari per il più grande impianto di produzione al mondo

Un consorzio guidato dal colosso POSCO sta investendo 6,7 miliardi di dollari per la costruzione di quello che il Korea Economic Daily definisce il più grande impianto di produzione di idrogeno verde al mondo. 

6,7 miliardi di dollari investiti per il maxi-contratto

Secondo quanto riportato da diversi media internazionali, nei prossimi giorni verrà ufficializzato un maxi-contratto dal valore di 6,7 miliardi di dollari, con il quale si prevede di realizzare, in Oman, il più grande impianto di produzione di idrogeno green al mondo, come sottolineato dal Korea Economic Daily, il più importante quotidiano economico per fatturato della Corea del Sud. 

Da chi è composto il consorzio

Il carburante verrà utilizzato soprattutto per ottenere acciaio decarbonizzato in modo sostenibile e, per raggiungere tale obiettivo, è nato un consorzio incaricato di realizzare l’enorme impianto.

Si tratta di una cooperativa composta dalla società coreana Samsung Engineering per il 12%, dalla compagnia energetica francese ENGIE per il 25%, da due società statali del sultanato per un buon 24% e dalla tailandese PTT Exploration and Production Public Company Ltd. (PTTEP) per l’11%.

A guidarla è però POSCO, multinazionale sudcoreana che dal 2026 prevede di produrre in patria almeno 300.000 tonnellate all’anno di acciaio verde, utilizzando H2 nel suo stabilimento di Pohang. 

Il potenziale dell’Oman

Secondo un rapporto IEA, l’Oman è un Paese medio-orientale che ha tutto il potenziale per diventare il sesto più grande esportatore di idrogeno rinnovabile a livello mondiale, e il maggiore in Medio Oriente. 

La Nazione punta a produrne almeno 1 milione di tonnellate all’anno entro il 2030, fino a raggiungere i 3,75 milioni al 2040. 

Per il 2050 invece, l’obiettivo è arrivare fino a 8,5 milioni, che sarebbe addirittura superiore alla domanda totale di idrogeno in Europa.

Articoli correlati