Roma, 14/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Batterie per la mobilità elettrica, ecco i 10 più grandi produttori al mondo

11batterie ioni di alluminio
Home > News > Elettrificazione > Batterie per la mobilità elettrica, ecco i 10 più grandi produttori al mondo

Le prime tre aziende da sole detengono il 70% circa del mercato mondiale. Dalla classifica emerge chiaramente il dominio asiatico: la Cina detiene il 57% del mercato mondiale, la Corea del Sud il 26%. Ecco la Top Ten per MWh.

Batterie, quali aziende ne producono di più al mondo? La Top Ten

Da qualche anno è iniziata la grande battaglia per favorire e sostenere la produzione interna di batterie per veicoli elettrici, soprattutto negli Stati Uniti ed in Europa, che sanno benissimo, e non da oggi, che il vero campione in questo mercato è l’Asia, in particolare la Cina.

Basti pensare che in meno di dieci anni la cinese Contemporary amperex technology co. limited (Catl) è diventata leader mondiale indiscusso, nella produzione di batterie per veicoli elettrici, con una quota di mercato pari al 34% del totale.

Di seguito la Top Ten mondiale dei principali produttori di batterie per la mobilità elettrica, realizzata da EV Volumes, principalmente per automobili, in base ai megawattora (MWh) e la percentuale sul totale mondiale nel 2023.

  1. Catl, 242.700 MWh, 34% (Cina)
  2. Byd, 115.917 MWh, 16% (Cina)
  3. LG Energy Solution, 108.487 MWh, 15% (Corea del Sud)
  4. Panasonic, 56.560 MWh, 8% (Giappone)
  5. SK On, 40.711, 6% (Corea del Sud)
  6. Samsung SDI, 35.703 MWh, 5% (Corea del Sud)
  7. Calb, 23.493 MWh, 3% (Cina)
  8. Farasis Energy, 16.527 MWh, 2%, Cina
  9. Envision Aesc, 8343 MWh, 1% (Cina)
  10. Sunwoda, 6.979 MWh, 1% (Cina)

Una classifica realizzata in base ai MWh, cioè la quantità di energia elettrica che una batteria può immagazzinare e fornire in un dato periodo di tempo, da cui emerge chiaramente il dominio asiatico, con la Corea del Sud che si lancia sul mercato come unico vero concorrente di Pechino.

Il dominio cinese e coreano

Le prime tre aziende da sole detengono il 70% circa del mercato mondiale. La giapponese Panasonic è in calo (dal terzo al quarto posto) e secondo gli esperti non riuscirà a mantenere un posto tra le prime cinque posizioni entro il prossimo anno (nonostante gli annunci della società giapponese di forte aumento della produttività nel 2024, dopo il crollo del 2023).

Nel 2023, BYD ha superato LG Energy Solution, conquistando il secondo posto. Un salto determinato dall’aumento delle forniture di batterie per Tesla Model Y, Toyota bZ3, Changan UNI-V, Venucia V-Online, nonché diversi modelli di auto prodotti da Haval e FAW.

La Cina detiene il 57% del mercato mondiale, la Corea del Sud il 26%. In questo scenario si capisce bene perché l’Unione europea sta regolando con maggiore attenzione il settore delle batterie e gli Stati Uniti hanno cercato di sostenere un’industria nazionale con la Bipartisan Infrastructure Law.

La domanda di batterie sta aumentando rapidamente al punto che potrebbe diventare 14 volte maggiore entro il 2030 e, secondo Bruxelles, l’Unione europea potrebbe rappresentare e soddisfare il 17% di tale domanda.

Secondo stime Fortune Business Insight, il mercato mondiale delle batterie per veicoli elettrici è visto raggiungere i 98 miliardi di dollari di valore entro il 2029.

Giornalista

Articoli correlati