Roma, 19/05/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

5G, case studies: la rete Snam-Vodafone

11antenna 5G
Home > News > Elettrificazione > 5G, case studies: la rete Snam-Vodafone

Sebbene nel breve periodo si preveda un incremento esponenziale delle applicazioni 5G al settore energetico, di case studies in Italia se ne contano ancora pochi. Il Mobile Private Network 5G realizzato da Vodafone per Snam è in assoluto la prima rete di quinta generazione realizzata per il comparto energetico nazionale.

La prima rete 5G nel settore energetico nazionale

Si è più volte posto l’accento sull’impatto che l’adozione della tecnologia di telecomunicazioni di quinta generazione (5G) possa avere sulla transizione energetica in atto. Ad oggi, in Italia, le case studies di riferimento si contano sulla punta delle dita, sebbene nel breve/medio periodo si preveda un incremento notevole dell’implementazione delle reti 5G nel comparto energy nazionale. Tra i primi accordi in questa direzione va sicuramente annoverato quello siglato lo scorso ottobre tra il colosso energetico Snam e Vodafone, leader nel settore delle telecomunicazioni.   

23 impianti sul territorio nazionale

Con 23 impianti su tutto il territorio nazionale, quella realizzata da Snam e Vodafone è la prima Mobile Private Network 5G ibrida nel settore energetico nazionale. La nuova rete si propone di dare una spinta alla transizione energetica in Italia mediante un’infrastruttura 5G privata ibrida, integrata nella rete Vodafone e quindi disponibile su tutto il territorio nazionale coperto.

Vantaggi dell’applicazione della tecnologia 5G

L’incredibile aumento della velocità di trasmissione dei dati garantito dal 5G (10.000 volte il traffico dati esistente)  può essere considerato un rimedio universale per quel che concerne il mondo del digitale. In particolare, tra i vantaggi associati all’applicazione della tecnologia 5G al settore energetico, c’è la possibilità di connettere contemporaneamente un numero elevato di dispositivi, nonché abilitare servizi e soluzioni innovative. Fra queste va citata sicuramente la sensoristica di campo come ad esempio misuratori di pressione, vibrazione ed altri meter in grado di raccogliere localmente grandi quantità di dati e di inviarli alla centrale. Ma anche telecamere e sensori antintrusione, applicazioni per la telediagnostica ed il monitoraggio degli impianti, soluzioni di realtà aumentata e realtà virtuale per la formazione dei tecnici e per l’assistenza da remoto.

Innovazione e sicurezza 

L’architettura di rete che Vodafone Business sta realizzando per Snam è ingegnerizzata per garantire alta affidabilità nella trasmissione dei dati raccolti nei singoli impianti: una rete resiliente e sicura che consenta la corretta e tempestiva gestione del traffico dati anche in presenza di criticità. È inoltre caratterizzata da una configurazione innovativa per cui una Sim MPN Vodafone abilitata all’utilizzo di servizi dati privati e pubblici (telefonia e dati) in uno dei 23 siti coperti dall’infrastruttura di rete 5G funzionerà anche in presenza di copertura della sola rete mobile pubblica Vodafone e dunque in assenza di copertura di MPN privata. Questa funzionalità permetterà a Snam di usufruire di un servizio esteso all’intera copertura Vodafone su territorio nazionale con il massimo grado di flessibilità per le proprie utenze e applicazioni.

Articoli correlati