Roma, 20/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Ecco ROAD, innovazione per filiere energetiche

11
Home > News > Ecco ROAD, innovazione per filiere energetiche

Nella stessa area che ad inizio ’900 forniva energia alla Roma industriale, diventa realtà un centro impegnato nella progettualità volta all’innovazione tecnologica

Dalla decarbonizzazione alle smart cities

Eni, Acea, Autostrade per l’Italia, Bridgestone, Cisco, Gruppo FS e NextChem (Maire): questo il gruppo di imprese che hanno acceso i motori del “ROAD – Rome Advanced District”, primo distretto di innovazione tecnologica per nuove filiere energetiche. All’orizzonte, oltre a collaborazioni di studio industriale applicate a settori della ricerca e dell’università, target di rilievo: tecnologie per la decarbonizzazione, economia circolare (water e waste management), efficienza energetica e stoccaggio, mobilità sostenibile, smart cities.

Laboratori di ricerca vicini all’acceleratore ZERO

ROAD s’insedia a Roma, nell’area del ex-Gazometro al quartiere Ostiense, dentro il complesso immobiliare di Eni – per una superficie complessiva di circa 13 ettari – che qui vanta anche nuovi laboratori di ricerca e la prossimità con l’acceleratore Zero, nodo della Rete Nazionale di Cdp Venture Capital dedicato alle migliori startup clean tech.

Agenda impegnativa per lo sviluppo

Nell’agenda di ROAD, quindi, innanzitutto sviluppo, promozione e accelerazione di progetti d’innovazione, così come supporto alla ricerca scientifica, industriale, tecnologica. Non di meno, si punta alla creazione di collaborazioni di filiera tra dipartimenti R&D di aziende, università, centri di ricerca, startup e PMI innovative sulle tecnologie vocate alla transizione energetica e digitale.

Articoli correlati