Roma, 04/03/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Enel assolta sul Telemerketing

11Logo Enel
Home > Aziende > Enel assolta sul Telemerketing

È stata annullata la sanzione di circa 27 milioni di euro che l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali aveva inflitto ad Enel Group per il trattamento illecito dei dati degli utenti ai fini di telemarketing.

Annullata la sanzione da 27 milioni di euro

Il Tribunale Civile di Roma ha annullato il provvedimento con cui il Garante per la Protezione dei Dati Personali, il 19 gennaio 2022, aveva inflitto ad Enel Energia la sanzione di circa 27 milioni di euro per asserite violazioni nell’ambito dell’attività di telemarketing. Oltre al pagamento della multa, la società avrebbe dovuto adottare una serie di misure dettate dall’Autorità per conformarsi alla normativa nazionale ed europea sulla tutela dei dati.

La decisione, le cui motivazioni saranno note fra qualche mese, conferma la correttezza dei comportamenti posti in essere da Enel, che opera quotidianamente per assicurare il pieno rispetto della normativa in materia di tutela dei dati personali sia direttamente che ad opera dei propri partner della rete vendita.

La condotta incriminata

Nello specifico, il provvedimento del Garante per la protezione dati personali riguardava il trattamento illecito dei dati personali degli utenti a fini del telemarketing. Il procedimento era stato avviato a seguito delle numerose segnalazioni da parte di consumatori, e di associazioni di consumatori, che avevano evidenziato una condotta aggressiva e ingannevole da parte dell’operatore energetico, a causa delle insistenti e ripetute telefonate che, talvolta, diffondevano un messaggio preregistrato.

L’istruttoria aveva messo in luce un cronico, intenso e sempre più invasivo fenomeno di telefonate promozionali indesiderate, in assenza del necessario consenso, verso utenze riservate o iscritte al Registro delle opposizioni.

L’Autorità aveva, dunque, ritenuto che tali condotte fossero da considerare una pratica commerciale scorretta perché idonee a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico del consumatore in relazione, peraltro, ad un servizio di interesse primario, quale quello della fornitura dei servizi di energia.

Articoli correlati