Roma, 19/05/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Rinnovabili nelle scuole? La strada è tutta in salita

11scuola
Home > Policy > Policy Italia > Rinnovabili nelle scuole? La strada è tutta in salita

La transizione energetica nella scuola italiana è ferma alla teoria. Solo il 4,2% degli edifici scolastici risulta in classe energetica A, con forti carenze persino nella manutenzione ordinaria che non supera i 10 mila euro di spesa. Il Report di Legambiente.

Fermi alla teoria

Sembra che la transizione energetica nelle scuole italiane sia ferma alla teoria. Solo il 4,2% degli Istituti risulta, infatti, in classe energetica A, mentre il 74,8% si colloca nelle tre ultime classi energetiche. 

I dati confermano che l’ efficientamento energetico degli edifici scolastici è un traguardo lontano. Nel 2021 il 30,6% delle strutture necessitava ancora di interventi di manutenzione straordinaria, con percentuali più alte al Sud (36,8%) e nelle Isole (53,8%).

Le risorse

Lo stanziamento per la manutenzione straordinaria, a livello nazionale, passa da quasi 28mila euro a edificio del 2019, a circa 34mila euro a edificio del 2021. La spesa effettuata da 15mila a 20mila euro. Per quanto riguarda la manutenzione ordinaria, sono stanziati nel 2021 circa 10mila euro a edificio, con una capacità di spesa di 8,4mila euro a edificio (nel 2019 erano stati rispettivamente 7mila e 6,5mila). In particolare, cresce la spesa delle amministrazioni del Sud che passano da 2mila euro a edificio a 7mila euro.

Il report di Legambiente

Il report di LegambienteEcosistema Scuola”, alla sua dodicesima edizione, evidenzia le carenze dell’edilizia scolastica in termini energetici, analizzando 5.616 edifici in 94 capoluoghi di provincia. 

Il testo parla di “strada in salita per la scuola italiana, che ancora presenta forti ritardi sulla messa in sicurezza degli edifici scolastici e sull’efficientamento energetico, accompagnati da un divario crescente tra le scuole del Nord, quelle del Sud e delle Isole“. Anche se nell’arco di 5 anni (2017-2021), il 59,3% degli edifici scolastici ha beneficiato di interventi di manutenzione straordinaria, nel 2021 quasi un terzo delle scuole necessita ancora di interventi straordinari.

10 Proposte

Sulla base delle informazioni evidenziate, l’organizzazione ha presentato un pacchetto di 10 proposte, interventi da realizzare in tempi brevi partendo dai territori più fragili e con gap infrastrutturale. Lo scopo è realizzare una scuola più sicura, inclusiva, innovativa e meno energivora. “Sarà fondamentale – dichiara la responsabile ufficio scuola Legambiente, Claudia Cappelletti, – pensare alla riqualificazione delle nostre scuole come a un cantiere di rigenerazione urbana, sociale e educativa, condividendo il tutto con la comunità locale che si fa comunità educante, per attuare percorsi condivisi attraverso la coprogettazione sia nei servizi che nella riqualificazione e costruzione di nuove scuole“.

Tra le idee descritte nel documento, oltre all’efficientamento energetico e all’introduzione di impianti per la produzione di energia rinnovabile, anche la costituzione di Comunità energetiche rinnovabili e solidali nelle scuole.

Articoli correlati