Roma, 18/07/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Pniec, Pichetto Fratin: “Revisione entro giugno 2023”

11Comunità energetiche Ensiel
Home > Policy > Policy Italia > Pniec, Pichetto Fratin: “Revisione entro giugno 2023”

Pniec, la revisione avverrà entro la scadenza europea

Confermo l’impegno a consegnare la proposta di revisione del Pniec entro il 30 giugno“. È quanto affermato stamattina dal ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, durante il suo intervento alla presentazione del Piano di sviluppo 2023 di Terna.

Praticamente, il ministro ha confermato che il Pniec, o Piano nazionale integrato energia e clima, sarà aggiornato e revisionato entro la scadenza prevista del 30 giugno. Data entro la quale devono essere consegnate almeno le bozze alla Commissione europea.

Il Pniec è di fatto uno strumento imprescindibile per indirizzare la politica energetica e ambientale del nostro Paese verso la decarbonizzazione, in un’ottica di sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Il suo aggiornamento è praticamente fondamentale per procedere con la transizione energetica ed ecologica a livello nazionale.

Rinnovabili, obiettivi più ambiziosi

Con la revisione del Piano nazionale energia e clima, ha aggiunto Pichetto Fratin, si potrebbero raggiungere obiettivi ancora più ambiziosi: “Sono convinto che, rispetto alle domande che ci sono oggi, potremmo arrivare a oltre 85 gigawatt al 2030-2032“.

Si potrà arrivare ad autorizzare fino a 14 gigawatt l’anno di capacitò rinnovabile dall’attuale impegno ad autorizzare 7-8 GW. E’ un obiettivo raggiungibile secondo gli indicatori”, ha precisato il ministro nel suo intervento all’evento di Terna.

Come si struttura il Pniec

Il Piano si struttura in cinque linee d’intervento, da sviluppare in maniera integrata: dalla decarbonizzazione all’efficienza e sicurezza energetica, passando attraverso lo sviluppo del mercato interno dell’energia, della ricerca, dell’innovazione e della competitività.

L’attuale Pniec è quello pubblicato dal ministero dello Sviluppo economico (ora ministero delle Imprese e del Made in Italy) a gennaio 2020 e approvato dalla Commissione europea, che recepiva anche le novità contenute nel Decreto Legge sul Clima nonché quelle sugli investimenti per il Green New Deal previste nella Legge di Bilancio 2020.

Il ministero dell’Ambiente ha inoltre dato il suo via libera alle candidature per 30 nuovi membri della Commissione Pniec-Pnrr, al fine di accelerare il lavoro per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione e sostenibilità.

Giornalista

Articoli correlati