Roma, 18/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Acqua potabile grazie al fotovoltaico. Il progetto italiano

11desalinizzazione
Home > News > Solare > Acqua potabile grazie al fotovoltaico. Il progetto italiano

Ammontano a €100 milioni gli investimenti di Genius Watter, azienda specializzata in fotovoltaico, in desalinizzazione a osmosi inversa delle acque salmastre tramite energia solare. L’ambizioso progetto ha tra gli obiettivi anche la realizzazione di numerosi impianti in Italia.

Desalinizzare l’acqua con l’energia solare

100 milioni di euro in 5 anni per desalinizzare l’acqua mediante l’energia solare. Si tratta dell’ambizioso progetto Genius Watter, azienda padovana specializzata nel campo del fotovoltaico. In particolare, GW è esperta nella desalinizzazione a osmosi inversa dell’acqua tramite energia solare, senza batterie. Il sistema brevettato dalla Società è in grado di fornire acqua potabile in zone prive di connessione alla rete elettrica, a partire da acqua salmastra di falda o acqua marina.

10 milioni nei prossimi 18 mesi

Il programma prevede lo stanziamento dei primi 10 milioni di euro nei prossimi 18 mesi, fondi che serviranno a realizzare parte dei 200 impianti previsti in Africa, Sudamerica e nella regione Asiatica. Il pre-assemblaggio avviene però in Italia, più nel dettaglio in provincia di Padova. Dopo aver fatto il giro del mondo lo sviluppo naturale per l’azienda, è l’Italia. Il Bel Paese, secondo quanto affermato dall’Amministratore Delegato di Genius Watter, Dario Traverso, si trova in una situazione di palpabile sofferenza in questo ambito. “C’è un problema di acqua evidente, in agricoltura e non solo. Con ettari coltivati bruciati perché le falde sotterranee non hanno più acqua dolce ma salata. Stiamo parlando con gli agricoltori, per installare anche qui i nostri impianti. Il mercato italiano è molto interessante: ci concentreremo qui, dall’agricoltura all’industria delle ricettività. Siamo partiti dall’Africa per arrivare in Italia” ha dichiarato.

Come avviene la Desalinizzazione “tradizionale”

Il processo di dissalazione (o desalinizzazione), come è facilmente intuibile, consiste nella rimozione del sale (cloruro di sodio) dall’acqua del mare o dalle acque salmastre. In tal modo, è possibile rendere le acque “dolci” e potabili, pronte per poter essere bevute o impiegate nel settore agricolo. Generalmente la strada più battuta per ottenere acqua dolce e potabile è la desalinizzazione per evaporazione.

Si tratta di un processo che prevede l’eliminazione dei sali presenti nell’acqua mediante una fonte di calore. In pratica, dopo aver riscaldato l’acqua del mare, si ottiene vapore acqueo, che viene raccolto mediante processo di condensazione.

Come avviene la desalinizzazione con fotovoltaico

La scelta di passare al fotovoltaico per la desalinizzazione dell’acqua rappresenta un’opzione conveniente dal punto di vista economico e sostenibile a zero emissioni, in grado di ridurre l’impronta di carbonio. Un sistema a osmosi inversa alimentato da un impianto fotovoltaico utilizza, infatti, l’energia solare per desalinizzare l’acqua salata. Il processo di desalinizzazione consiste nell’immissione dell’acqua di mare in un serbatoio. Qui vengono rimosse le particelle e le impurità indesiderate. L’acqua trattata viene quindi pompata ad alta pressione attraverso una membrana semipermeabile che trattiene il sale e le altre impurità. Una volta depurata, l’acqua viene poi resa disponibile per l’uso, in acqua potabile o per l’agricoltura. Il concentrato contenente i sali e le impurità trattenute vengono smaltiti come prodotto di scarto.