Roma, 14/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Presentato Ddl per la riattivazione delle centrali nucleari in Italia. Il testo e le reazioni. Il flop dell’autocandidatura dei Comuni ad ospitare il Deposito Nazionale delle scorie radioattive

11Parlamento italiano
Home > News > Nucleare > Presentato Ddl per la riattivazione delle centrali nucleari in Italia. Il testo e le reazioni. Il flop dell’autocandidatura dei Comuni ad ospitare il Deposito Nazionale delle scorie radioattive

In Parlamento si torna a discutere di nucleare. Stavolta a scatenare le polemiche è il disegno di legge presentato da Forza Italia, che mira alla riattivazione degli impianti nucleari presenti sul territorio nazionale, ma anche il flop dell’autocandidatura dei Comuni a ospitare il deposito nazionale dei rifiuti nucleari.

Un nuovo disegno di legge sul nucleare

Un nuovo disegno di legge per ripristinare il nucleare in Italia, con il pretesto di migliorare la competitività del sistema energetico nazionale e di ridurre la dipendenza del Paese dai combustibili di importazione estera. Il provvedimento, che prende il nome di “Disposizioni per la riattivazione delle centrali nucleari esistenti sul territorio nazionale e la costruzione di nuovi impianti di produzione di energia nucleare” è stato presentato dal Senatore Claudio Fazzone, di Forza Italia, e mira alla riattivazione degli impianti nucleari esistenti sul territorio nazionale. 

Riattivazione e ammodernamento degli impianti di Trino, Caorso, Latina e Sessa Aurunca

A distanza di oltre trent’anni dalla dismissione dell’ultima centrale nucleare e dopo due referendum dagli esiti plebiscitari, in Parlamento si torna a discutere di un tema che in Italia sembrava definitivamente abbandonato. Il nuovo disegno di legge sull’energia nucleare  fa riferimento in particolare agli impianti nucleari esistenti di Trino, Caorso, Latina e Sessa Aurunca, affidandone la gestione alla SOGIN, Società di Stato attualmente incaricata del decommissioning degli stabilimenti e della messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi. Il programma dei lavori dovrebbe essere, invece, sottoposto all’approvazione dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA), al fine di assicurare la sostenibilità degli interventi da apportare per il miglioramento della sicurezza nucleare e di garantire una conduzione degli impianti rispondente alle norme internazionali in materia.

I vantaggi del nucleare citati nel disegno di legge

Nel testo della proposta si cerca di porre il focus sui vantaggi che la reintroduzione del nucleare apporterebbe, annoverando tra gli altri “l’assenza di emissioni di CO2, né di altri inquinanti atmosferici per produrre elettricità, insieme ad una ridotta occupazione di terreno.” A riprova dello spazio ridotto che il nucleare utilizza rispetto ad altre fonti energetiche rinnovabili, il documento considera i dati forniti dal Dipartimento dell’energia americano: “un impianto per la produzione di energia nucleare occupa un’area almeno 360 volte inferiore a un impianto eolico e almeno 75 volte inferiore a un impianto solare. Gli impianti nucleari sono in grado di produrre grandi quantità di energia poiché 1 kg di uranio fornisce la stessa energia di 60 tonnellate di gas naturale, 80 di petrolio o 120 di carbone. E questi numeri potrebbero ancora salire con l’introduzione dei reattori di quarta generazione, nei quali non si sfrutta solo l’uranio 235, ma anche l’uranio 238, attraverso la trasmutazione in plutonio 239: in questo modo 1 kg di uranio arriverebbe a contenere la stessa energia di 3000 tonnellate di carboneriporta la proposta di legge.

La battaglia sulle scorie nucleari

Non c’è da sorprendersi se il Disegno di legge abbia suscitato l’indignazione di un’ampia fetta della politica italiana, che intanto è impegnata anche su un altro fronte, quello dei rifiuti radioattivi da smaltire. La battaglia sulle scorie nucleari è tuttora aperta, e tra le forze schierate in prima linea a favore della CNAPI, la Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee a ospitare un unico Deposito Nazionale con caratteristiche che soddisfino i criteri dell’ISPRA, indicati anche nelle linee-guida della IAEA (International Atomic Energy Agency), c’è il Movimento 5 Stelle.

La nota congiunta delle Commissioni Ambiente e Attività Produttive di Camera e Senato

In una nota congiunta dei Parlamentari pentastellati delle Commissioni Ambiente e Attività Produttive di Camera e Senato si legge: “Non ci voleva Nostradamus per prevedere che l’autocandidatura dei Comuni a ospitare il deposito nazionale dei rifiuti nucleari sarebbe stata un flop.” I grillini sostengono che lasciare i territori allo sbaraglio nella gestione dello smaltimento dei rifiuti radioattivi sia quanto di più sbagliato si potesse pensare di fare. “Non abbiamo da sistemare solo i rifiuti ospedalieri, che sarebbero l’ultimo dei problemi. Abbiamo le scorie delle nostre centrali dismesse, rifiuti industriali, alcuni accatastati alla bell’e meglio in depositi temporanei con tutti i rischi del caso, altre temporaneamente stoccate in Francia e Regno Unito, per le quali paghiamo una barca di quattrini e che a breve saranno rispedite al mittente per via della scadenza dei contratti stipulati. Non c’è manco un esponente della maggioranza che abbia dimostrato di avere contezza su queste cose; in compenso vanno dritti con la folle campagna per riattivare il nucleare in Italia, con la benedizione della Von der Leyen” chiosano nel comunicato.