Roma, 18/04/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Nasce “Falsi miti sulle Rinnovabili” per sradicare le false credenze

11rinnovabili
Home > Aziende > Nasce “Falsi miti sulle Rinnovabili” per sradicare le false credenze

Falsi miti sulle rinnovabili è la prima piattaforma rivolta a cittadini, politici, imprenditori, giornalisti e tutti coloro che abbiano un ruolo nella transizione energetica, con lo scopo di sfatare credenze e osservazioni sbagliate sulle fonti di energia rinnovabile. Il progetto è stato ideato da Italy for Climate, centro studi della Fondazione per lo sviluppo sostenibile.

Una piattaforma che promuove un’informazione chiara sulle Rinnovabili. 

“Falsi Miti sulle rinnovabili” nasce allo scopo di sfatare i falsi miti sulle fonti di energia rinnovabile. In particolare ne individua 5, con l’obiettivo di sradicare quelle credenze che in Italia ancora rallentano il processo di transizione verso nuove fonti energetiche, ostacolando dunque il raggiungimento di una completa decarbonizzazione. 

Costano troppo, ci fanno restare al buio, sono e resteranno marginali, rovinano il paesaggio, fanno male a economia e occupazione”. Queste le bugie screditate dal sito ideato da Italy for Climate (I4C), centro studi della Fondazione per lo sviluppo sostenibile, che basa su dati scientifici la propria controinformazione mirata a descrivere le fonti rinnovabili per ciò che sono realmente, ossia una risposta concreta e realizzabile all’attuale crisi energetica e climatica. 

La piattaforma si rivolge a utenti, politici, operatori della comunicazione, imprenditori, e tutti coloro che hanno un ruolo nella transizione energetica.

Il mondo delle rinnovabili è cambiato enormemente nell’ultimo decennio, e in poco più di due decenni queste tecnologie dovranno porre fine all’era dei combustibili fossili – spiega Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e promotore di Italy For Climate -. Eppure in Italia la loro crescita è ancora stentata e sono in molti a non considerarli una vera alternativa su cui puntare, anche per rispondere alla crisi dei prezzi dell’energia. Bisogna contrastare con maggiore decisione l’ignoranza e i pregiudizi che spesso sono il principale freno allo sviluppo di queste tecnologie, mostrando in modo chiaro e scientificamente fondato la loro capacità di soddisfare la nostra fame di energia e i vantaggi ambientali ed economici che potranno portare“.

Perché le 5 osservazioni sulle rinnovabili sono sbagliate

  • In pochi anni le fonti rinnovabili hanno già cambiato il panorama energetico mondiale: 8 kW su 10 di impianti di generazione elettrica installati ogni anno sono rinnovabili.
  • Le rinnovabili erano le fonti più economiche già prima della crisi energetica. 1 kWh prodotto da eolico o fotovoltaico costa 5 centesimi di euro, meno della metà rispetto a fossili e nucleare in Europa. 
  • Servirebbe solo lo 0,7% del territorio nazionale per sostituire tutti gli impianti fossili con pannelli fotovoltaici: meno di 200 mila ettari, un decimo della superficie oggi edificata in Italia.
  • Al 2030 saranno 14 milioni i nuovi posti di lavoro nel mondo, contro i 5 milioni persi nell’oil&gas. Grazie alle rinnovabili crescono investimenti e occupazione e si valorizzano le filiere locali.

Articoli correlati