Roma, 20/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Il fotovoltaico che sorge dai rifiuti. L’esempio della discarica di Galliera

11Impianto fotovoltaico Galliera
Home > News > Biomasse > Il fotovoltaico che sorge dai rifiuti. L’esempio della discarica di Galliera

La discarica esaurita del Gruppo Hera a Galliera, in provincia di Bologna, rinasce nel segno della produzione di energia da fonti rinnovabili: all’attività di recupero energetico da biogas si è aggiunto un impianto fotovoltaico composto da quasi 3.000 pannelli per una potenza totale di circa 1 MW e una produzione di energia elettrica di 1,37 GWh all’anno, pari al consumo di oltre 500 famiglie, con un risparmio in termini di anidride carbonica di 610 tonnellate.

Il primo impianto sviluppato internamente al Gruppo Hera

Fino a dieci anni fa riceveva rifiuti non pericolosi, oggi è un luogo dove si produce energia da fonti rinnovabili: la discarica di Galliera del Gruppo Hera, ora ha una seconda vita grazie a due impianti realizzati nell’area che si trova sulla pianura attraversata dal fiume Reno, al confine con la provincia di Ferrara. Il nuovo parco fotovoltaico, composto da 2.498 pannelli per una potenza totale di circa 1 MW ogni anno, produrrà energia elettrica pari al consumo di oltre 500 famiglie, evitando l’immissione di più di 600 tonnellate di anidride carbonica. Il sito viene al contempo utilizzato anche per attività di recupero energetico di biogas, iniziate nel 2008. È stato, infatti, proprio l’impianto di recupero da biogas, a fare da apripista al più recente progetto. Da quel momento e fino al primo semestre del 2023, il totale dell’energia elettrica prodotta e ceduta alla rete al netto degli autoconsumi ha superato i 142 GWh, pari al consumo annuo di circa 50.000 famiglie.

Una produzione di energia elettrica di 1,37 GWh all’anno

Per il nuovo impianto fotovoltaico si prevede una produzione di energia elettrica di 1,37 GWh all’anno. L’energia prodotta, al netto degli autoconsumi, verrà immessa in rete. L’impianto di Galliera, il primo sviluppato internamente al Gruppo Hera, dalla progettazione alla realizzazione, risponde appieno agli indirizzi nazionali e regionali di sfruttare aree difficilmente convertibili ad altri usi, per promuovere ed accelerare il percorso di decarbonizzazione del nostro Paese. 

Impianto realizzato con gli incentivi del decreto rinnovabili

Con l’impianto di Galliera, Herambiente, la controllata del Gruppo, principale operatore nazionale nel settore ambiente, ha partecipato con successo all’ottava procedura di accesso ai regimi di sostegno del decreto 04/07/2019 (FER-1), il cosiddetto “Decreto Rinnovabili”, ottenendo così un incentivo che stabilizzerà il valore dell’energia immessa in rete per una durata di 20 anni.

“Le sfide del futuro richiedono alle utility come la nostra un impegno sempre più decisivo che intendiamo tradurre in progetti concreti – afferma Orazio Iacono, Amministratore Delegato del Gruppo Hera – attraverso investimenti che consentiranno di accompagnare i cittadini, le imprese e le pubbliche amministrazioni nella transizione green e, in questo caso, in quella energetica, con un modello sempre più distributivo e inclusivo per lo sviluppo del tessuto sociale e industriale. L’impianto fotovoltaico di Galliera ne è un esempio efficace perché crea valore per il territorio e per l’ambiente. Inoltre, siamo particolarmente orgogliosi di questo progetto perché è il primo sviluppato completamente all’interno del Gruppo Hera”. 

Articoli correlati