Roma, 19/05/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

La prima caldaia al mondo a idrogeno è italiana 

11
Home > News > Idrogeno > La prima caldaia al mondo a idrogeno è italiana 

A Pisa è stata progettata Hydro, una caldaia per uso domestico alimentata solo a idrogeno.

Come funziona

Hydro è la prima caldaia al mondo che viene alimentata solo da idrogeno prodotto da fonti rinnovabili. Funziona in questo modo: attraverso un catalizzatore con all’interno piastre di titanio e pochi grammi di idrogeno verde, si genera vapore. Questo, tramite una turbina, permette di produrre energia elettrica e acqua calda per uso sanitario e domestico. I vantaggi legati a questo tipo di utilizzo sono soprattutto due: si riducono sia i costi delle bollette per il consumatore e sia le emissioni, preservando la salute ambientale e il benessere economico. 

Si tratta di un’innovazione made in Italy della società E.HY. Energy Hydrogen Solution fondata a Pisa dall’ingegnere Marco Bertelli

Le testimonianze

“Ci sono voluti ben 18 anni per sviluppare questo progetto e – spiegano i produttori dell’azienda – ora ci sono tutte le premesse affinché questa nuova caldaia possa conquistare, in breve tempo, il mercato internazionale ed aprire una nuova era per quel che riguarda gli impianti di riscaldamento. Alta 2 metri e larga 70 centimetri, Hydro di fatto permette di abbandonare i tradizionali strumenti di rifornimento energetico”. 

“Il modello sarà messo sul mercato questa estate e – ha aggiunto l’avvocato e consulente esterno della società Nicola Stufano siamo molto soddisfatti, perché si tratta di un qualcosa di unico al mondo. La commercializzazione e distribuzione partirà dall’Italia, ma la rete dei concessionari comprende già diversi Paesi europei e anche l’America e l’Asia. Tutto questo ci riempie di orgoglio”.

I costi

Il costo dell’impianto può variare tra i 6000 e gli 8000 euro, comprese le spese per l’installazione. Per la manutenzione invece, servirebbero circa 600 euro all’anno. 

Questi apparecchi possono rappresentare una soluzione innovativa per produrre energia, sia termica che elettrica, in modo sostenibile e senza consumare corrente ma, al contrario, generandola.

Articoli correlati