Roma, 26/05/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

In Cina è stata inaugurata una nuova centrale idro-solare da 1000 MW

11solare
Home > News > Idroelettrico > In Cina è stata inaugurata una nuova centrale idro-solare da 1000 MW

Nel Paese è stata inaugurata la più grande e alta centrale idro-solare al mondo, secondo quanto comunicato dall’operatore State Development and Investment Corp.

Le caratteristiche della più grande e alta centrale idro-solare al mondo

La più grande e alta centrale idro-solare al mondo è stata inaugurata di recente in Cina, e avrà una capacità installata di un 1 milione di kilowatt (1000 MW). Il suo obiettivo? Promuovere le rinnovabili e ridurre le emissioni di anidride carbonica di oltre 1,6 milioni di tonnellate.

A comunicare questi numeri è la State Development and Investment Corp, la più grande holding di investimento statale del Paese asiatico, istituita il 5 maggio 1995, che si sta occupando del progetto.

L’impianto, costruito nella provincia di Sichuan, è stato inoltre collegato alla centrale idroelettrica di Lianghekou, entrata in funzione a marzo e con una capacità installata totale di 3 milioni di kilowatt.

I benefici della combinazione solare-idroelettrico

Solare e idroelettrico sono due fonti alternative essenziali per raggiungere la neutralità climatica al 2050 e per arrivare a una transizione energetica effettiva.

L’azienda cinese ha spiegato che, la produzione di energia delle centrali solari fluttua tra il giorno e la notte, ed è soggetta a tante variabili a causa degli eventi atmosferici e della presenza del Sole. In questo caso allora, sugli handicap di queste tipologie di sistemi, interviene la componente idroelettrica, che aiuta a regolare l’instabilità del fotovoltaico. 

La loro combinazione, inoltre, offre anche altri benefici oltre quella del bilanciamento, perché ‘solarizzare’ le centrali idro-elettriche adoperando dei pannelli, permette anche di gestire meglio l’acqua ed evitare nuove occupazioni del suolo che sarebbero superflue.

L’esempio italiano

In Italia, per esempio, nella centrale idroelettrica di Montelupone, nelle Marche, si è pensato di realizzare una copertura fotovoltaica su un canale di derivazione, coniugando due fonti di energia pulita per dar vita a un impianto ibrido che avrà potenza fotovoltaica di 1 MW, e sarà in grado di fornire elettricità a 450 famiglie, evitando l’emissione di circa 580 tonnellate di C02. 

Articoli correlati