Roma, 19/05/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Idroelettrico, mercato globale degli impianti supererà i 300 miliardi di dollari entro il 2030

11idroelettrico
Home > News > Idroelettrico > Idroelettrico, mercato globale degli impianti supererà i 300 miliardi di dollari entro il 2030

Il settore delle centrali idroelettriche non conosce crisi a livello mondiale e il loro numero aumenterà, con un tasso di crescita medio annuo del 5,70% entro la fine del decennio. La Cina è l’economia leader, ma crescono anche altri mercati nel mondo. Idroelettrico fornisce il 36% di energia pulita all’Europa, che però diversifica le fonti. L’Alleanza europea di Enel, Edf, Epd, Engie, Fortum, Iberdrola, Statkraft, Uniper, Vattenfall e Verbund.

L’energia pulita dell’idroelettrico

L’energia pulita è l’ingrediente fondamentale per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione stabiliti da quasi tutti i Paesi del mondo. Negli ultimi due anni, soprattutto in Europa, Asia e Africa, la siccità, la distribuzione sempre più irregolare delle piogge e la temperatura media più alta del normale, hanno determinato un crollo della generazione di energia pulita grazie all’idroelettrico.

In Italia è accaduta la stessa cosa, con una diminuzione del 37,7% della produzione idroelettrica nazionale, secondo dati diffusi da Terna.

I cambiamenti climatici e l’estremizzazione dei fenomeni meteo, tra cui le ondate di caldo e la siccità, stanno quindi incidendo su questa rilevante fonte energetica pulita, che, secondo un Report dell’IEA, nel 2020 ha offerto al mondo intero 4.500 TWh di energia elettrica, un sesto del totale e in crescita, grazie ad una potenza impegnata di 1.330 GW.

Il mercato mondiale degli impianti idroelettrici

Solo in Europa l’idroelettrico fornisce 670 TWh di energia pulita, grazie a 254 GW di potenza installati, pari al 20% del totale mondiale.

Il mercato mondiale di riferimento, nonostante i problemi ambientali e climatici che tutti conosciamo (almeno fino ad oggi), continuerà a crescere nei prossimi anni.

Secondo uno studio firmato da Markets N Research, entro il 2030 il mercato globale delle centrali idroelettriche passerà dagli attuali 209 ai 308,7 miliardi di dollari, con un tasso di crescita medio annuo (Cagr 2022-2030) del +5,70%.

Oggi, ben 35 Paesi nel mondo contano sull’energia pulita fornita dagli impianti idroelettrici, che producono il 50% dell’elettricità complessiva.

La Cina al primo posto, l’Europa diversifica

Negli ultimi 15 anni, infine, la Cina si è confermata leader del settore, registrando il 50% di crescita della capacità totale dell’idroelettrico mondiale. Installazioni significative sono avvenute anche in India, Brasile e altre economie in crescita del Sud Est asiatico.

In Europa, nonostante una quota del 36% del mix energetico rinnovabile, il dato dell’idroelettrico è comunque in calo, sia per le nuove leggi a tutela dell’ambiente e della biodiversità, sia per la crescita concomitante delle fonti energetiche rinnovabili, come il solare e l’eolico.

Un’alleanza europea per l’idroelettrico

Ad inizio mese è stata annunciata una nuova alleanza per l’idroelettrico in Europa. Dieci tra le più grandi compagnie energetiche del continente hanno sancito la loro collaborazione nel settore con una lettera condivisa con la commissaria Ue per l’Energia, Kadri Simson.

Come riportato dall’Ansa, fanno parte dell’alleanza Enel, Edf, Epd, Engie, Fortum, Iberdrola, Statkraft, Uniper, Vattenfall e Verbund. Insieme rappresentano una capacità idroelettrica totale installata di oltre 110 GW.

Giornalista

Articoli correlati