Roma, 04/03/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Una pompa di calore monoblocco ad aria per il mercato residenziale del Regno Unito

11
Home > News > Geotermico > Una pompa di calore monoblocco ad aria per il mercato residenziale del Regno Unito

L’azienda britannica Ideal Heating ha sviluppato una pompa di calore ad aria da mettere in commercio per il mercato residenziale della Gran Bretagna. 

‘Logic Air’: la pompa di calore monoblocco ad aria

Questa nuova pompa di calore monoblocco ad aria, messa a punto dall’azienda Ideal Heating con sede centrale a East Yorkshire e dal nome ‘Logic Air‘, entrerà in commercio per uso residenziale e sarà disponibile in due versioni: una prima, con potenza termica di 8,2 kW, e una seconda, da 10,3 kW

La società inglese ha spiegato che si tratta di un’innovazione che potrà essere abbinata all’impianto solare sui tetti delle proprie abitazioni, al fine di massimizzare l’autoconsumo. Ma come funziona nel dettaglio?

Le caratteristiche

Questi tipi di dispositivi estraggono energia contenuta nell’aria esterna in modo molto efficiente, apportando una serie di benefici: producono acqua calda sanitaria e possono essere utilizzate sia per riscaldare che per raffreddare gli edifici.  

Le caratteristiche della nuova pompa ad aria sperimentata in Inghilterra sono semplici. Pesa 110 kg ed è stata progettata per le nuove costruzioni e installazioni in retrofit. Inoltre, funziona sia con i radiatori che con gli impianti di riscaldamento a pavimento. 

Con questa tecnologia, veloce da installare e facile da mettere in funzione, si può produrre acqua calda sanitaria fino a 55 C in modo abbastanza silenzioso, proprio per la sua capacità di emettere un rumore di solo 55 db(A), l’equivalente di una normale conversazione tra due persone. 

Le ambizioni di Ideal Heating

Ideal Heating, che è stato sempre considerato nel Paese un leader nel settore del riscaldamento, ha annunciato lo scorso mese le sue nuove ambizioni: costruire un centro di ricerca e sviluppo sulle pompe di calore da 10 milioni di sterline (12,5 milioni di dollari) a Hull, sempre Inghilterra.

Articoli correlati