Roma, 19/05/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Biometano, sbloccati incentivi PNRR per 1,7 miliardi   

11biogas
Home > News > Gas > Biometano, sbloccati incentivi PNRR per 1,7 miliardi   

Approvato il decreto attuativo che assegna contributi PNRR per 1,7 miliardi di euro allo scopo di incentivare la produzione di biometano e promuovere una capacità produttiva di circa 2 miliardi di metri cubi l’anno entro il 2024

Il decreto attuativo

Al via l’assegnazione dei contributi e delle tariffe agevolate per la produzione di biometano e la sua immissione all’interno della rete del gas naturale. È stato, infatti, appena emanato il decreto attuativo che approva le regole applicative per accedere agli incentivi previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per il valore complessivo di 1,7 miliardi di euro

L’atto, predisposto dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica con il supporto del GSE, rientra tra le azioni previste dal PNRR per sostenere la diffusione del combustibile di origine biologica ottenuto dalla purificazione del biogas. 

Il supporto finanziario interesserà sia la costruzione di nuovi impianti, sia la riconversione di strutture esistenti di biogas. In questo modo la capacità produttiva di biometano dovrebbe aumentare dieci volte in più rispetto all’attuale produzione.

 “L’impulso alla produzione di biometano, ha affermato il Ministro Gilberto Pichetto, va nella direzione di accelerare il processo di decarbonizzazione dell’economia, contribuendo alla nostra sicurezza energetica anche con una produzione nazionale rinnovabile, legata alla forte vocazione agricola di una parte consistente del nostro territorio”.

Il biometano

Il biometano può ricoprire un ruolo decisivo nella sicurezza energetica del nostro Paese. Si tratta infatti, di un’importante risorsa, pulita e sostenibile, ricavabile dai rifiuti urbani, sottoprodotti agricoli e deiezioni animali. 

Questo combustibile viene oggi utilizzato per decarbonizzare diversi settori, in particolare quello dei trasporti. L’Italia attualmente promuove l’utilizzo dei biocarburanti nei trasporti incentivando i produttori tramite il rilascio di certificati di immissione e consumo valorizzati dal Gestore Servizi Energetici per 10 anni.

Requisiti di accesso agli incentivi 

È possibile richiedere la partecipazione alle procedure competitive previste dal Decreto e l’accesso agli incentivi a seguito dell’entrata in esercizio degli impianti, qualora siano verificati e dimostrabili i requisiti soggettivi e oggettivi richiesti. 

Tra quelli oggettivi ritroviamo:

  • categoria di intervento (nuova costruzione o riconversione)
  • tipologia di impianto (impianto agricolo o impianto a rifiuti organici)
  • destinazione d’uso del biometano prodotto dall’impianto (usi nel settore dei trasporti o altri usi).

Altri requisiti fondamentali riguardano la destinazione del biocarburante e la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra che la sua immissione è in grado di garantire.

Biometano destinato al settore dei trasporti

Il titolo autorizzativo/abilitativo alla costruzione e all’esercizio dell’impianto deve:

  • contenere esplicita indicazione di utilizzo esclusivo, per la produzione di biometano, di una o più delle materie prime di cui all’Allegato VIII, parte A, al D.lgs. 199/2021 (cd. materie prime “avanzate”);
  • consentire di riscontrare il conseguimento, da parte dell’impianto, di una riduzione di almeno il 65% delle emissioni di gas a effetto serra mediante l’uso della biomassa.

Biometano destinato ad altri usi

Il titolo autorizzativo/abilitativo alla costruzione e all’esercizio dell’impianto deve consentire di riscontrare il conseguimento, da parte dell’impianto, di una riduzione di almeno l’80% delle emissioni di gas a effetto serra mediante l’uso della biomassa.

Inoltre, oltre alla documentazione da inviare per la verifica del rispetto dei requisiti,  le regole applicative contenute nel decreto contengono, gli schemi di avviso pubblico per ciascuna delle procedure previste, i modelli per le istanze di partecipazione, e i contratti-tipo da stipulare tra il GSE e i soggetti richiedenti. 
La prima procedura competitiva per l’accesso agli incentivi verrà avviata già nel primo trimestre di quest’anno.

Articoli correlati