Roma, 04/03/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

La turbina eolica senza pale che cattura energia dalle vibrazioni

11
Home > News > Eolico > La turbina eolica senza pale che cattura energia dalle vibrazioni

La startup spagnola Vortex Bladeless ha sperimentato un modo per catturare l’energia attraverso semplici vibrazioni. Al contrario delle classiche turbine, il nuovo dispositivo messo a punto non utilizza le pale.

L’innovazione spagnola

Si tratta di una vera e propria innovazione spagnola, unica nel suo genere e che potrebbe rivoluzionare il settore eolico. 

Con i questi nuovi apparecchi denominati ‘Vortex Tacoma’, nome che nasce dalla sua ideatrice Vortex Bladeless, è infatti possibile catturare l’energia del vento attraverso delle vibrazioni, non usufruendo più delle pale. 

Per questo, tali sistemi non sono più chiamati turbine ma piuttosto ‘generatori oscillanti a vento’, proprio per il loro design totalmente diverso costituito da due parti connesse tra loro attraverso una barra elastica, appositamente pensata per resistere a flessioni e stress.

Questa tecnologia prende il nome di ‘risonanza elastica’ e assicura un movimento oscillatorio silenzioso. 

Le caratteristiche

Le caratteristiche di Vortex Tacoma sono molto semplici. Si tratta di dispositivi sottili e dalla forma cilindrica, con un sostegno metallico ancorato a terra che si estende verso l’alto creando un movimento oscillatorio, chiamato ‘fenomeno aerodinamico della vorticità’.

Non sono innovazioni nate allo scopo di essere prodotte e vendute a livello industriale. Chi le ha sperimentati infatti, ha pensato più a un mercato residenziale, come anche a quello rurale. 

I vantaggi

I vantaggi che se ne possono trarre sono innumerevoli: impatto visivo minore, considerando che, avendo delle altezze di 3-4 metri, questi aerogeneratori non creano problemi da un punto di vista estetico e paesaggistico e sono abbastanza piccoli.

Poi, stando ai dati rilasciati dalla società spagnola, questi sistemi sono in grado di trasformare in energia fino al 40% della forza del vento, generando una potenza di 100 W ogni ora e assicurando anche un risparmio sui costi di manutenzione, stimandoli attorno all’80% in meno rispetto a quelli dei classici impianti eolici.

Infine, l’assenza delle pale riduce l’impatto sulla fauna, e l’intera struttura non solo non produce rumore, ma potrebbe anche rappresentare un’opzione accessibile per l’autoconsumo energetico nelle abitazioni. 

I finanziamenti 

Questi progetti hanno ricevuto finanziamenti dal programma Horizon 2020 della Commissione europea, oltre a dei fondi da parte di altri investitori e una sovvenzione dalla Fundación Repsol in Spagna. 

Si tratta ancora di tecnologie in fase di sviluppo, ma che potrebbero fare la differenza nella crescita delle rinnovabili

Articoli correlati