Roma, 21/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Airbus utilizza vele eoliche per le navi transoceaniche: emissioni ridotte

11eolico offshore
Home > News > Eolico > Airbus utilizza vele eoliche per le navi transoceaniche: emissioni ridotte

Ecco le vele eoliche utilizzate da Airbus per produrre energia green e alimentare le proprie navi. Non è l’unica società ad aver intrapreso questo percorso, al fine di ridurre le emissioni.

L’eSAIL

L’eSAIL è la vela eolica scelta dalla società francese Airbus per le navi transoceaniche. È stata costruita dall’azienda spagnola Bound4blue, ed è in grado di generare una potenza propulsiva che è dalle 6 alle 7 volte superiore rispetto a quella creata da un qualsiasi impianto convenzionale. 

Queste elevate prestazioni derivano dalle caratteristiche intrinseche della tecnologia, costituita da una superficie verticale e da un sistema di aspirazione dell’aria, alimentato elettricamente, che riesce ad aumentare l’efficienza dell’intera struttura, e a ridurre il carico sui motori principali della barca.

Le vele eoliche sulle imbarcazioni

Adoperare una fonte rinnovabile così come le vele eoliche sulle imbarcazioni potrebbe ridurre notevolmente le emissioni di anidride carbonica, nonostante arrivare alla ‘quota zero’ fissata al 2050 sembrerebbe essere adesso un miraggio.

Non è solo Airbus ad aver intrapreso questo percorso verso la sostenibilità, anche altre società hanno fatto lo stesso. Un esempio? La Mitsubischi Corporation e la Bar Tech Technolohies hanno realizzato insieme Pyxis Ocean, la prima nave da carico a propulsione eolica salpata il 22 agosto di quest’anno da Shangai, e diretta verso Paranagua, in Brasile. 

Più nello specifico, la Pyxis Ocean è dotata di due grandi Windwings, ovvero due vele rigide di oltre 37 metri di altezza realizzate in acciaio e vetroresina, con una composizione interna studiata per massimizzare lo sfruttamento delle correnti d’aria. 

La Seawing

Affidarsi al vento potrebbe dunque essere un’ottima soluzione per rendere più green il settore e far viaggiare grandi navi minimizzando al massimo il consumo di carburante. 

Un’altra vela che utilizzerà la Airbus sarà la Seawing, dalla dimensione di 500 metri quadrati che permetterà alla compagnia di risparmiare fino a 1 milione di euro ogni anno, e di tagliare l’emissione di CO2 di circa 8.000 tonnellate. 

Nicolas Chrétien, Responsabile Sostenibilità e Ambiente del gruppo francese, ha spiegato che l’azienda è ormai da molti anni che studia tecnologie assistite dal vento come potenziale fonte energetica per le operazioni marittime.

Le vele eoliche sembrerebbero essere molto promettenti, ma dovranno essere testate in mare, si spera entro la fine del 2023.

Articoli correlati