Roma, 18/04/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Una nuova versione della moto elettrica a idrogeno

11
Home > News > Elettrificazione > Una nuova versione della moto elettrica a idrogeno

In occasione della fiera mondiale della tecnologia MWC 2023 di Barcellona, l’azienda Segway ha presentato una nuova versione della moto elettrica a idrogeno. 

La prima moto ibrida elettrica a idrogeno

Circa due anni fa, l’azienda multinazionale cinese Xiaomi ha presentato Apex H2, la prima moto ibrida alimentata elettricamente e a idrogeno. È proprio l’alimentazione ibrida a rappresentare la vera rivoluzione del settore, unendo l’elettrico all’idrogeno e dando vita a una moto da 150 km/h di velocità massima, per una potenza di 60 kW

Si tratta di un progetto che è stato avviato nel 2021, ma che ha dovuto attendere fino al 2023 per il via alle consegne. 

Una nuova versione: Segway Apex H2

La Apex H2 è stata riproposta quest’anno, in occasione della fiera mondiale della tecnologia MWC 2023 di Barcellona, dall’azienda Segway, specializzata dal 2019 in produzioni nel settore del motociclismo. 

A differenza della versione già presentata due anni fa, questa moto si basa su un sistema fuel cell a idrogeno che ne rappresenta la fonte elettrica, al posto delle normali batterie. Il punto di forza nell’utilizzare questo tipo di carburante è quello di avere una più alta densità energetica e meno emissioni.

Vantaggi  e svantaggi dei sistemi a fuel cell

Segway Apex H2 potrebbe apportare grandi cambiamenti nel mondo del motociclismo, grazie ai numerosi vantaggi garantiti dai sistemi a fuel cell, che sfruttano combustibili come il gas, in forma gassosa o liquida, ad alta pressione e convertono l’energia chimica in elettrica e calore, senza l’intervallo di cicli termici.

Ci sono anche delle controindicazioni nell’usare questi sistemi, come trovare lo spazio giusto destinato a questi grossi serbatoi. A tal proposito, Segway ha pensato per la sua moto a delle capsule sostituibili che contengono idrogeno allo stato solido. In questo modo, non solo si assicura una densità energetica più alta ma, qualora dovesse esserci una perdita di carburante, sarebbe più lenta e quindi meno pericolosa. 

Articoli correlati