Roma, 18/07/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Un letto di sabbia da 125 tonnellate per decarbonizzare i processi industriali

11processi industriali termici
Home > News > Elettrificazione > Un letto di sabbia da 125 tonnellate per decarbonizzare i processi industriali

Decarbonizzare i processi industriali che richiedono temperature elevate? L’innovativo sistema di stoccaggio brevettato dal Gruppo Magaldi permetterà di immagazzinare energia e rilasciarla sotto forma di vapore (tra i 120° e i 400°). Grazie all’accordo sottoscritto con Enel X, sarà possibile fornire energia termica alle temperature e pressioni desiderate, riducendo il consumo di gas e abbattendo i prezzi.

Una batteria che rilascia energia sotto forma di vapore

Una batteria alimentata da un impianto fotovoltaico in grado di immagazzinare energia e rilasciarla sotto forma di vapore ad alta temperatura. È l’innovativo sistema MGTES (Magaldi Green Thermal Energy Storage) brevettato dal Gruppo Magaldi e che verrà applicato alle attività industriali che richiedono temperature elevate, grazie alla collaborazione con Enel X. Integrazione tecnologica e sostenibilità sono infatti alla base dell’accordo sottoscritto tra la società del Gruppo Enel che opera nell’ambito della fornitura e dell’efficientamento energetico, e Magaldi, azienda specializzata nello sviluppo di tecnologie per la generazione e lo stoccaggio di energia pulita. 

Un letto di sabbia fluidizzato da 125 tonnellate

La tecnologia ideata e sviluppata dal Gruppo Magaldi, basata su un letto di sabbia fluidizzato (“batterie di sabbia”) che permette di immagazzinare energia da fonti rinnovabili e rilasciarla sotto forma di vapore ad alta temperatura (tra 120° e 400°) e coperta da brevetto mondiale, consentirà a Enel X di fornire energia termica in forma di vapore alle temperature e pressioni desiderate ai propri clienti industriali, riducendo il consumo di gas e stabilizzando il prezzo dell’energia termica. Il primo caso applicativo vedrà la fornitura di energia termica verde per soddisfare i bisogni energetici dell’industria alimentare IGI, fornitore del Gruppo Ferrero, con sede nell’ASI di Buccino. Il progetto prevede la costruzione di un impianto fotovoltaico da 5 Megawatt e di un impianto MGTES da 125 tonnellate, con capacità di accumulo pari a 13 MWh termici giornalieri. L’impianto entrerà in funzione nella seconda parte del 2024, e si prevede che porterà a una riduzione dei consumi pari al 20% dei consumi totali di IGI e risparmi di CO2 fino a 1.000 tonnellate all’anno, sostituiti da energia rinnovabile disponibile tutto il giorno.

Decarbonizzare i processi industriali termici

Lo scopo del Memorandum d’intesa tra i due gruppi leader nel settore energetico, è   realizzare i primi impianti in Italia per la decarbonizzazione di processi industriali termici, ossia quei processi che richiedono temperature molto elevate.  

Innovazione leva strategica per la decarbonizzazione

L’innovazione e la sostenibilità sono leve strategiche della decarbonizzazione”, ha dichiarato Francesco Venturini, Responsabile di Enel X. – Oggi ne abbiamo una ulteriore conferma grazie al sistema Mgtes, che fa compiere un passo in avanti al settore degli accumuli, potendo garantire grande efficienza anche per i processi industriali che richiedono temperature elevate; il tutto grazie a una tecnologia italiana, a sua volta sostenuta da una filiera italiana, i cui eccezionali risultati aprono la strada a promettenti opportunità di sviluppo anche all’estero”.

Un passo importante

“La partnership con Enel X rappresenta un passo importante, coerente al percorso della nostra azienda, da più di 90 anni costantemente orientata all’innovazione e allo sviluppo di soluzioni affidabili e sostenibili per le industrie” ha dichiarato Mario Magaldi, Cavaliere del lavoro e Presidente Gruppo Magaldi “La tecnologia Mgtes, in particolare, offre una risposta immediata all’esigenza di decarbonizzazione dei processi industriali e quindi di sostituzione del gas. L’Italia ha risorse e competenze per svolgere un ruolo di rilievo nella filiera delle batterie nello stoccaggio energetico, fattore abilitante nella produzione di energie rinnovabili in continuo, contribuendo così a rendere stabile e sicuro l’intero sistema”.

Articoli correlati