Roma, 15/04/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Tra i principali fornitori di energia del Regno Unito BP è al primo posto, con 48,8 miliardi di sterline di fatturato nel 2022

11
Home > News > Elettrificazione > Tra i principali fornitori di energia del Regno Unito BP è al primo posto, con 48,8 miliardi di sterline di fatturato nel 2022

Secondo una classifica stilata dall’Energy Digital Magazine, sono questi i 10 principali fornitori di energia del Regno Unito, impegnati nella trasformazione e decarbonizzazione del settore.

La classifica dei primi 10 

I primi 10 fornitori che in Inghilterra si sono distinti per il loro supporto alla transizione circolare e per il loro impegno nella trasformazione del settore energetico sono: 

  • Centrica
  • Shell
  • BP

Sul podio vi sono dunque Centrica in terza posizione, Shell in seconda e BP in pole position.

Centrica

Centrica è un’azienda britannica leader del settore, considerando che solo nel 2022 ha ottenuto come ricavi un importo pari a 23,6 miliardi di sterline (29,5 miliardi di dollari).

Il suo lavoro è fornire soluzioni energetiche e servizi innovativi attraverso marchi di fiducia, con l’obiettivo di soddisfare le diverse esigenze dei clienti e con una forza lavoro di circa 7.000 ingegneri e tecnici specializzati.

Shell

Al secondo posto nella classifica dell’Energy Digital Magazine troviamo Shell, con 29,2 miliardi di sterline (36,5 miliardi di dollari) di ricavi dello scorso anno che gli hanno permesso di riconfermare la propria presenza significativa nel settore energetico del Regno Unito

Parliamo di un’azienda conosciuta a livello globale, e attiva sul campo su diversi aspetti: l’esplorazione, la produzione, la raffinazione e la distribuzione di petrolio e gas. 

Per lo sviluppo delle rinnovabili, Shell sta investendo moltissimo in parchi eolici e infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici, sottolineando il proprio impegno per un futuro a basse emissioni di CO2. 

BP

Il primo posto è invece occupato da BP, con un fatturato 2022 pari a 48,8 miliardi di sterline (61 miliardi di dollari). 

L’azienda vanta una lunga storia di attività svolte e obiettivi raggiunti, che gli hanno permesso di affermarsi come un attore chiave britannico del settore, puntando molto, soprattutto negli ultimi anni, a tecnologie più sostenibili.

Ad oggi, svolge ancora un ruolo fondamentale nel sostenere il fabbisogno energetico del Paese, impegnandosi nel trovare sempre soluzioni più pulite, a supporto della decarbonizzazione

Articoli correlati