Roma, 25/09/2023 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Scoperto in India il primo grande giacimento di litio

11
Home > News > Elettrificazione > Scoperto in India il primo grande giacimento di litio

La Geological Survey of India ha rinvenuto nel Jammu e Kashmir (J&K) due territori che fino al 2019 erano uniti e rappresentavano il più settentrionale tra gli Stati del Paese, un enorme giacimento di litio, stimato in 5,9 milioni di tonnellate. 

Il primo giacimento di litio

La grande scoperta è stata fatta dalla Geological Survey of India (GSI), l’agenzia geologica indiana, e la notizia è stata data dal sottosegretario alle Attività Minerarie Vivek Bharadwaj. Si tratta di 5,9 milioni di tonnellate di litio, una risorsa preziosa che potrebbe rendere il Paese autosufficiente nella costruzione di batterie, pannelli solari o veicoli elettrici, che hanno tutte bisogno di questo metallo strategico, fondamentale anche per la transizione energetica. 

Bisogna però eseguire successive esplorazioni per poter confermare l’entità di tale giacimento, che potrebbe portare l’India ad acquistare un ruolo di centralità nella produzione di energia green e rinnovabile, annullando quella dipendenza dalle importazioni di alcuni minerali come il nickel e, ovviamente, il litio, dall’Australia, dove se ne estrae il 52%, o dalla Cina, che ne lavora il 58% della fornitura globale. 

Perché il litio è così importante

Il litio è un minerale che dispone di un’elevata densità energetica e che è ideale per costruire le batterie di molti dispositivi elettronici portatili e veicoli elettrici. Inoltre, questo metallo ha tanti altri usi industriali, tra cui la ceramica, i prodotti farmaceutici o i lubrificanti. Per tutte queste ragioni, e considerando che tutto il mondo si sta impegnando per raggiungere una transizione circolare, questo metallo è ormai al centro dell’attenzione e rappresenta un minerale “critico”.

Per minerali critici si intendono quelle risorse essenziali le cui forniture sono a rischio, a causa della mancata disponibilità o per i prezzi inaccessibili. 

Dal passato al futuro

La scoperta del litio nel J&K si basa su una mappatura geochimica condotta dal GSI negli anni ’90, che ha portato a un rapporto in cui si definiva “promettente” la possibilità di trovare la risorsa nell’area. Non è chiaro il motivo per cui dal 1999 non siano stati effettuati ulteriori ricerche.

Sebbene tale ritrovamento sia un’ottima notizia per la futura autosufficienza del Paese, sono necessarie diverse fasi per analizzare il giacimento e convertirlo in qualcosa di funzionale ed efficiente. I processi di ulteriore esplorazione, sviluppo di un piano minerario e ottenimento delle autorizzazioni, possono richiedere cinque o più anni, e dipendono da diversi fattori, tra cui i requisiti ingegneristici.  Di conseguenza, dal 2023, il giacimento potrebbe dare i suoi frutti solo verso il 2030. 

Articoli correlati