Roma, 19/05/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Record per le rinnovabili: a Marzo il picco di copertura del 51%

11copertura rinnovabili
Home > News > Elettrificazione > Record per le rinnovabili: a Marzo il picco di copertura del 51%

Considerando tutte le fonti rinnovabili, nel 2023 l’incremento di capacità in Italia è pari a 1.092 MW, un valore in crescita (+181%) rispetto allo stesso periodo del 2022. L’energia elettrica da fonti rinnovabili nel Bel Paese proviene soprattutto da fotovoltaico (30,35%), eolico (29%), idroelettrico (18,9%), biomasse (16,8%) e geotermico (5%). I dati Terna.

A Marzo consumi energetici ridotti

26,2 miliardi di KWh nel mese di Marzo, il 5% di elettricità in meno rispetto allo stesso mese nel 2022. Nei primi tre mesi dell’anno, stando ai dati forniti da Terna, la società che gestisce la rete di trasmissione nazionale, il fabbisogno energetico degli italiani è diminuito di circa il 4%. Anche il comparto industriale registra una variazione negativa, con lo – 0.9% rispetto a marzo 2022.

In crescita il contributo delle fonti rinnovabili

Considerando tutte le fonti rinnovabili, nel 2023 l’incremento di capacità in Italia è pari a 1.092 MW, un valore in crescita (+181%) rispetto allo stesso periodo del 2022. L’energia elettrica da fonti rinnovabili nel Bel Paese proviene soprattutto da fotovoltaico (30,35%), eolico (29%), idroelettrico (18,9%), biomasse (16,8%) e geotermico (5%), con una copertura della domanda elettrica del 33,5%, un aumento sostanziale rispetto allo scorso anno, i cui le rinnovabili arrivavano a coprire solo il 28% dei consumi. 

In crescita, rispetto allo stesso mese dello scorso anno, la fonte eolica (+25,3%) e quella fotovoltaica (+15,1%), quest’ultima principalmente per effetto dell’incremento della capacità installata (+3,2 GW rispetto a marzo 2022). In particolare, il 10 marzo 2023 Terna ha registrato il valore massimo storico di produzione oraria da fonte eolica, pari a circa 8,3 milioni di kWh. In diminuzione, invece, la fonte termica (-17,9%) e geotermica (– 6,8%). 

Per quel che concerne il settore idroelettrico, siccità ed il livello basso dei bacini ne hanno impedito un aumento in termini di capacità.

A Pasqua le rinnovabili hanno coperto il 51% della domanda nazionale

Durante le festività di Pasqua, considerando i giorni da sabato 8 a lunedì 10 aprile 2023, le fonti rinnovabili hanno coperto una quota considerevole della domanda di elettricità italiana. Una percentuale che si è attestata al 51% se rapportata alla produzione nazionale complessiva. In particolare, il giorno di Pasquetta (10 aprile 2023) il fabbisogno di energia elettrica del Paese è stato soddisfatto dalle rinnovabili per il 55%, con una punta oraria (tra le 14:00 e le 15:00) del 90%, valore dovuto principalmente alla elevata produzione fotovoltaica ed eolica.   

Articoli correlati