Roma, 21/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

La prima asta europea transfrontaliera per le energie rinnovabili

11
Home > News > Elettrificazione > La prima asta europea transfrontaliera per le energie rinnovabili

La settimana scorsa l’Esecutivo Ue ha annunciato il primo bando di gara transfrontaliero da 400 MW di potenza, nell’ambito del meccanismo di finanziamento RENEWFM. Questa prima asta fotovoltaica si basa sull’impegno reciproco nel settore di due Paesi: Lussemburgo e Finlandia.

La prima asta europea transfrontaliera sulle rinnovabili: l’impegno di Lussemburgo e Finlandia

Questa prima asta europea transfrontaliera sulle rinnovabili prevede 400 MW di fotovoltaico da realizzare in Finlandia (Paese ospite), con singole iniziative che vanno da un minimo di 5 MW di potenza, a un massimo di 100 MW. Il Lussemburgo sarà lo Stato contributore, che aiuterà a finanziare la gara fornendo 40 milioni di euro.

I partecipanti al bando, dalla durata di 6 mesi, dovranno presentare delle proposte su progetti fotovoltaici nel Paese baltico con un costo massimo di 180.000 euro per MW, che saranno poi valutate dal CINEA (Agenzia esecutiva europea per il clima, l’infrastruttura e l’ambiente)

I vincitori saranno selezionati, in particolare, sulla base dell’offerta più bassa, fino a quando il budget non sarà stato del tutto esaurito. Gli impianti green dovranno essere realizzati entro 24 mesi, e generare una minima quantità di elettricità pulita per almeno i prossimi 15 anni. 

Quali sono gli obiettivi

Quali sono gli obiettivi della gara? Contribuire allo sviluppo dell’energia solare e, in generale, delle rinnovabili su larga scala sia in Finlandia che in Lussemburgo, ma non solo.

RENEWFM

La Commissione europea ha spiegato in una nota che il bando, aperto dal 18 aprile al 27 settembre 2023, è stato organizzato nell’ambito del RENEWFM (Renewable Energy Financing Mechanism), e segna una nuova fase di cooperazione nel settore dell’energia sostenibile. 

Si tratta di un meccanismo che deriva dall’articolo 33 del regolamento sulla governance 2018/1999 del pacchetto ‘Clean Energy for all europeans’. È in vigore da settembre 2020 e il suo processo di attuazione è ancora in corso. 

L’Esecutivo Ue ha deciso di istituirlo per sostenere al meglio i progetti di energia green e incoraggiare una maggiore diffusione delle fonti alternative in tutta Europa, con l’obiettivo principale di consentire a tutti gli Stati membri di collaborare più strettamente nell’adozione e nella promozione delle rinnovabili. Ecco perché il RENEWFM promuoverà anche quei progetti in linea con le ambizioni del Green Deal e del REPowerEU.

Articoli correlati