Roma, 27/02/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

La batteria cinese che conserva energia e produce sostanze chimiche utili per l’uomo

11batterie redox
Home > News > Elettrificazione > La batteria cinese che conserva energia e produce sostanze chimiche utili per l’uomo

Un team di ricercatori della Tsinghua University di Pechino, in Cina, ha sviluppato un’innovativa batteria ibrida che non solo produce energia, ma genera anche due sostanze chimiche utili, alcool furfurilico e acido furoico.

L’invenzione della ‘batterie ibrida’

Si tratta di un’invenzione cinese messa a punto ricercatori della Tsinghua University di Pechino che non è altro che una batteria ibrida dalla doppia funzionalità: conserva energia e produce alcool furfurilico e acido furoico.

L’importanza di queste due sostanze chimiche

Queste due sostanze chimiche sono molto importanti per le loro caratteristiche intrinseche, che derivano dalle elevate proprietà del furfurale, un composto organico che proviene da una varietà di prodotti agricoli tra cui mais, avena e grano.

Il materiale dispone di un grande potenziale: può essere ossidato ad acido furoico, un conservante alimentare utile anche per la sintesi di farmaci e fragranze, o può essere anche ridotto e diventare, in questo modo, alcool furfurilico, precursore in resine e aromi. 

Come funziona la batteria

La batteria sviluppata dai ricercatori funziona come un mix perfetto tra quelle ricaricabili standard e quelle a flusso redox. La differenza tra le due? Le prime, immagazzinano l’energia nei loro elettrodi; le seconde invece, utilizzano sostanze chimiche che oscillano tra due stati all’interno della pila stessa. 

Il team della Tsinghua University ha combinato entrambi i concetti prendendone il meglio, e ideando un catalizzatore metallico bifunzionale che, durante la carica, trasforma l’elettrolita contenente furfurale in alcool furfurilico; mentre, durante il ciclo di scarica, forma acido furoico.

L’innovazione è ancora agli esordi, ma potrebbe presto essere approfondita e sfruttata anche in tanti altri Paesi.

Articoli correlati