Roma, 14/06/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Enel, i risultati del primo trimestre 2024: in Italia +34% di energia da rinnovabili

11Enel
Home > News > Elettrificazione > Enel, i risultati del primo trimestre 2024: in Italia +34% di energia da rinnovabili

Il Gruppo Enel ha pubblicato il “Quarterly Bulletin” Report contenente i dati operativi del Gruppo del primo trimestre dell’anno 2024. Cresce la generazione di energia elettrica “emission free” nel primo trimestre di quest’anno, che raggiunge il livello record dell’82% a livello globale.

I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2024

I dati operativi del Gruppo Enel nei primi tre mesi del 2024

Nel nostro Paese l’energia elettrica generata da impianti di fonti energetiche rinnovabili è aumentata del 34,1% su base annua, secondo quanto riportato nel Quarterly Bulletin” Report contenente i dati operativi del Gruppo Enel del primo trimestre dell’anno 2024.

Il dato mondiale del Gruppo stima la generazione di energia elettrica da fonti rinnovabili salire a 64GW, con un aumento del 9,2%. Le fonti termoelettriche registrano un calo consistente del 33% circa.

La generazione di energia elettrica a zero emissioni ha raggiunto nel primo trimestre 2024 il valore record dell’82%.

Il Report, è spiegato in un comunicato del Gruppo, è stato “pubblicato in anticipo rispetto all’approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione di Enel e alla divulgazione dei dati economico-finanziari contenuti nei documenti contabili periodici”, con l’obiettivo “di rafforzare ulteriormente la trasparenza del Gruppo nei confronti della comunità finanziaria, in linea con le best practice dei mercati più evoluti”.

In Italia la produzione di energia elettrica da fonti termiche scende del 62,8%, in Spagna, invece, la produzione rinnovabile cresce del 27,3% su base annua, mentre la produzione da fonti termiche scende del 9,7%.

Lanzetta: “Guidiamo la transizione energetica del Paese

Partecipando al Festival dello Sviluppo sostenibile di Ivrea, il Direttore Italia di Enel, Nicola Lanzetta, ha dichiarato che per realizzare la transizione energetica “abbiamo previsto nei prossimi tre anni ben 17 miliardi di euro di investimenti in Italia”.

Un dato che, secondo il Direttore Italia del Gruppo, sta a dimostrare l’impegno concreto della società nella doppia transizione verso la decarbonizzazione e il rinnovo delle infrastrutture di rete: “Enel guida la transizione energetica del Paese attraverso lo sviluppo delle fonti rinnovali, la digitalizzazione delle reti di distribuzione e l’elettrificazione dei consumi, che rappresentano un’opportunità sia in termini di creazione di valore sia lo strumento per un più rapido raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile definiti dall’ONU (ovvero Sustainable Development Goals, di seguito SDG) nell’Agenda 2030”.

Risultati finanziari del primo trimestre 2024

Scarica i risultati del Primo trimestre 2024 del Gruppo Enel

Nel primo trimestre 2024 risultati in crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno passato, con Ebitda ordinario a 6,1 miliardi di euro (+11,6%) e utile netto ordinario a 2,2 miliardi di euro (+44,2%). Accelera il percorso verso la transizione energetica con oltre l’82% della produzione a zero emissioni.

“I solidi risultati del primo trimestre 2024 confermano l’efficacia delle azioni manageriali intraprese con il Piano Strategico 2024-2026, nonché la resilienza del nostro modello di business in tutti i Paesi di presenza”, ha commentato il CFO di Enel Stefano De Angelis. “Anche nei prossimi mesi, Enel continuerà a perseguire con grande disciplina un’allocazione selettiva del capitale, massimizzando efficienza ed efficacia della gestione, nonché la sostenibilità finanziaria e ambientale. Siamo pertanto fiduciosi di raggiungere tutti i nostri obiettivi per il 2024, inclusa la riduzione del debito netto di Gruppo, che già oggi è sceso a 54 miliardi di euro considerando anche le dismissioni ormai in fase di finalizzazione. L’ottima performance del primo trimestre ci fornisce ampia visibilità anche sulla conferma della politica di remunerazione degli azionisti presentata nel Capital Markets Day di Novembre 2023.”

Giornalista

Articoli correlati