Roma, 18/07/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Comunità energetiche e cittadini: un evento sullo stato dell’arte, le opportunità e la sostenibilità

11Comunità energetiche Ensiel
Home > News > Comunità energetiche e cittadini: un evento sullo stato dell’arte, le opportunità e la sostenibilità

Un convegno che si propone di favorire l’incontro tra i diversi attori dell’ Energia, creando un dialogo attivo tra consumatori, imprese e  istituzioni. Lo scopo dell’incontro promosso da Consumers’ Forum, unitamente a ENSIEL e al gruppo di ricerca “Enabling  Consumer to become prosumer” (ECPE Project) dell’Università di Camerino, è quello di favorire la creazione di un tavolo permanente di confronto tra chi opera nel settore dell’energia,  facendo chiarezza sulle CER, le nuove protagoniste del mutato paradigma di produzione e consumo energetico. In diretta streaming su Energia Italia News giovedi 19 Gennaio 2023 h 9.30/17

SEGUI LO STREAMING

SCARICA IL PROGRAMMA

Riorganizzare il mercato dell’energia

La transizione ecologica, obiettivo comune a livello internazionale e riconosciuto nell’Agenda Onu 2030, rende necessaria un’accelerazione del passaggio da un’economia basata sull’uso del fossile a forme di produzione energetica pulite, rinnovabili e diffuse sul territorio. Il tema non è però solo tecnologico: la crisi innescata dal deflagrare del conflitto in Ucraina ha polarizzato l’attenzione di tutti sul risparmio energetico, ma anche sulla necessità di una riorganizzazione dei mercati dell’energia che possa consentire sicurezza, stabilità ma anche efficienza economica. 

Nuove opportunità

La declinazione italiana dei pacchetti normativi europei e delle misure conseguenti alle crisi  pandemica ed energetica appare foriera di nuove opportunità per il mondo dei consumatori, per le imprese e per le istituzioni. I finanziamenti collegati all’implementazione della  transizione energetica potrebbero contribuire a rendere i mercati energetici italiani più forti e competitivi e, soprattutto, con minore presenza di squilibri e distorsioni.  

In tale panorama, le comunità energetiche stanno guadagnando una posizione di primario interesse, candidandosi come protagoniste del mutato paradigma  di produzione e consumo energetico, sempre più improntato al perseguimento di benefici ambientali e sociali in piena assonanza con il novellato art. 41,  comma 3 della Costituzione.

Lo stato dell’arte delle Cer

In uno scenario così fortemente orientato all’implementazione del principio di sostenibilità non mancano, però, ombre costituite dall’ancora  incompleta adozione dei Dlgs. 199 e 210 del 2021 e dall’incertezza circa il contesto regolatorio che andrà a governare il settore. 

Il nuovo paradigma mira ad avere delle comunità che costituiscano, nei fatti, degli agglomerati virtuosi, in cui la vicinanza, spaziale e temporale, tra produzione e carico, mira  a massimizzare l’efficienza del sistema e ad ottimizzare l’uso delle infrastrutture, superando quindi gli approcci semplificati adottati nel passato  che avevano la semplice valenza di incentivi finalizzati alla promozione delle rinnovabili. 

Limiti e virtù delle soluzioni disponibili

È indispensabile identificare e quantificare limiti e virtù delle  soluzioni disponibili, andando quindi a pesare correttamente i vincoli che devono essere posti per regolamentare correttamente l’evoluzione, si cita ad esempio la necessità  di capire quale possa essere l’estensione spaziale di una Comunità al fine di garantire un corretto uso delle infrastrutture di rete, o ancora, quale debba essere l’intervallo  temporale su cui calcolare i bilanci energetici o, infine, come sia possibile quantificare i benefici portati alla rete piuttosto che al mercato elettrico. 

Il nuovo paradigma

Il nuovo paradigma è chiamato ad essere sostenibile, sia in termini energetici, sia in termini economici che in termini sociali. Nasce l’esigenza di integrare gli utenti finali, facendoli diventare membri attivi di una Comunità e promuovendo un loro comportamento energetico più  efficiente. Sempre in termini sociali, il nuovo paradigma è chiamato fortemente a contribuire al contenimento di situazioni di povertà energetica, andando ad  intervenire laddove la leva economica non potrebbe operare. Tale principio, largamente condiviso in via teorica, è però complesso da applicare concretamente, vi è quindi una  forte esigenza di contestualizzazione e di proposizione metodologica, sia rispetto agli utenti che rispetto ai Policy Maker e alle utility energetiche. Queste ultime saranno infatti chiamate a supportare l’implementazione in campo delle Comunità Energetiche.

Articoli correlati