Roma, 27/05/2024 Notizie e approfondimenti sui temi dell’Energia in Italia, in Europa e nel mondo.

Con Terna l’Italia diventa regista della transizione energetica

11Terna Donnarumma
Home > Aziende > Con Terna l’Italia diventa regista della transizione energetica

Ancora una volta la società che gestisce la rete elettrica italiana in alta e altissima tensione, si conferma leader della sostenibilità a livello mondiale.

Punteggio massimo nell’indice globale di sostenibilità

Terna è stata confermata per la terza volta leader mondiale in sostenibilità. Secondo l’indice globale di sostenibilità riferito alle aziende che gestiscono infrastrutture cruciali per la sostenibilità, la società italiana avrebbe ottenuto A, ossia il massimo livello di valutazione.  

Il GLIO/GRESB ESG Index seleziona le migliori pratiche in campo ambientale, sociale e di  governance (ESG) adottate da aziende quotate che gestiscono infrastrutture cruciali dell’energia, dei trasporti e delle reti di telecomunicazioni.  

Quest’anno Terna ha migliorato il proprio punteggio da 85 a 91 su 100 (la media  globale delle società valutate è stata pari a 64), posizionandosi così nella fascia di score più alta  dell’indice che include solo altre sei società internazionali. 

Con questo ulteriore riconoscimento internazionale, la società che gestisce la rete elettrica italiana in alta e altissima tensione rafforza sempre di più la sua presenza ai vertici mondiali della sostenibilità  e conferma il proprio ruolo di regista e abilitatore della transizione energetica. 

Piano Industriale 2021- 2025 ‘Driving Energy’

La sostenibilità, infatti,  è un driver strategico e uno dei pilastri su cui si basa l’attività di Terna: i circa 10 miliardi di euro complessivi di investimenti, che l’azienda ha previsto nell’aggiornamento del Piano Industriale 2021- 2025 ‘Driving Energy’, sono considerati per loro natura sostenibili per il 99% in base al criterio di  eleggibilità introdotto dalla Tassonomia Europea.  

Il GLIO/GRESB ESG Index 

Lanciato a gennaio 2021 e unico nel suo genere, ha una particolare  influenza sui cosiddetti SRI (Socially Responsible Investors), gli investitori sensibili a tematiche  etiche. L’assesment per questo indice si compone di diversi livelli di analisi e valuta la trasparenza nella diffusione di dati relativi alle seguenti aree ESG: governance della sostenibilità,  implementazione della sostenibilità, dati sulle prestazioni operative e pratiche di coinvolgimento degli  stakeholder.  

Articoli correlati